Lecco, 7 febbraio 2020. Emilio Minuzzo e Beppe Mambretti di Lecco merita di più hanno espresso alcune perplessità sull’evento di presentazione di Mauro Gattinoni, che si terrà domani, sabato 8 febbraio, in Piazza della Vittoria ad Acquate.

“Alcuni residenti ci hanno segnalato che da ieri sera in Piazza della Vittoria e nelle vie limitrofe sono stati affissi dei cartelli nei quali il Comitato “Per Mauro Gattinoni Sindaco” comunicava che l’accesso alla piazza verrà lasciato libero, senza divieti di sosta né divieti di transito, consigliando però di posteggiare i propri mezzi al di fuori della stessa e di programmare i propri spostamenti personali in funzione della presentazione del candidato Sindaco delle sinistre. Alcune considerazioni per tanto ci sembrano ovvie da porre a Gattinoni: la sicurezza delle persone nella piazza, visto che nello stesso cartello si immagina una certa affluenza, da chi verrà garantita, se non si è chiesto in Comune il divieto di passaggio degli autoveicoli?”

Il Consigliere comunale e il coordinatore della lista Lecco merita di più sostengono poi che che il comitato Gattinoni abbia violato gli articoli 7 e 37 del codice della strada “A che titolo sono stati affissi questi cartelli? Dovrebbero essere citate le ordinanze con le quali vengono disciplinati gli accessi alla piazza. Non sarà che il candidato delle sinistre evitando di presentare le richieste dei relativi divieti di sosta e transito non ha voluto interfacciarsi con gli uffici comunali, che sono alle dirette dipendenze dell’assessore Valsecchi, sapendo che vi fosse il rischio che qualcuno sollevasse delle prescrizioni restringenti?”

Poi concludono: “Ci spiace constatare che la cultura di chi sequestra le piazze è quella di chi sequestra le istituzioni, non ci resta che solidarizzare con i residenti di Acquate che per qualche ora subiranno le conseguenze di una manifestazione, pur non avendo le giuste tutele da parte della Polizia Locale”

Risponde il vicesindaco e assessore con delega alla Polizia Locale, Francesca Bonacina: “È stata regolarmente richiesta l’occupazione di suolo pubblico per il gazebo, ma non si tratta di una manifestazione grande al punto da coinvolgere il settore Viabilità. Stando all’affluenza prevista, non sembra sia necessario che una pattuglia della Polizia Locale vada sul posto. La Polizia è comunque informata e sarà pronta a intervenire se ce ne fosse bisogno”

Non verrà messo alcun divieto di sosta, per la portata ridotta dell’evento (la presentazione del programma di Mauro Gattinoni) e perché si tratta di una zona che già soffre di un numero ridotto di parcheggi. Per quanto riguarda i cartelli, non hanno alcun valore formale per l’amministrazione comunale e sono stati probabilmente posizionati in buona fede.”

L’assessore Bonacina risponde anche in merito alla questione Valsecchi: “L’assessore alla Viabilità interviene solo se viene posizionato un manufatto che abbia una chiara interferenza con, ad esempio, un incrocio o una strada e non era di certo questo il caso. Di conseguenza, questa considerazione non ha ragione di esserci, perché questi compiti non rientrano nelle competenze dell’assessore Valsecchi.”