Lecco, 6 febbraio 2020. Il Prefetto di Lecco Michele Formiglio ieri, mercoledì 5 febbraio, al comune di Merate ha riunito un Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica itinerante, con riferimento particolare ai furti in abitazione, al quale sono stati invitati i Sindaci dell’area del meratese.

Il Prefetto Formiglio ha iniziato analizzando l’andamento del crimine dell’area, evidenziando come il confronto tra i dati statistici dell’intero territorio preso in esame, riferiti ai periodi di gennaio 2019 e 2020 faccia emergere una sostanziale diminuzione del 25% del totale dei reati commessi (da 254 a 189). Calano anche quelli scoperti (da 27 a 5), mentre sono in aumento del 55% (da 45 a 70) i furti in abitazione

I Comuni maggiormente interessati dal fenomeno sono quelli di Cernusco Lombardone, Verderio, Monticello Brianza, Osnago, Calco e Merate, tutti con dati di incidenza maggiori alla media provinciale di 46 reati ogni 100mila abitanti. I furti vengono commessi più frequentemente durante la fascia oraria che va dalle 17 alle 20, con una maggiore incidenza nelle giornate di mercoledì, giovedì e sabato.

All’incontro hanno preso parte il Questore Guglielmino, il Colonnello Infante dell’Arma dei Carabinieri, il Colonnello Cussotto della Guardia di Finanza, il Consigliere Delegato della Provincia di Lecco Matteo Manzoni, il sindaco di Lecco, i sindaci dei Comuni di Merate, Airuno, Brivio, Calco, Cassago Brianza, Cernusco Lombardone, Lomagna, Monticello Brianza, Olgiate Molgora, Osnago, Paderno d’Adda, Robbiate e Verderio.

Il Prefetto e i sindaci hanno concordato alcune azioni di prevenzione e contrasto: maggior controllo delle forze di Polizia nelle aree più colpite, coinvolgimento delle Polizie Locali nelle attività relative alla viabilità stradale per liberare risorse e consentire alle forze di Polizia di incrementare l’attività di contrasto dei reati, implementazione dei sistemi di videosorveglianza e lettura targhe e ammodernamento dei dispositivi esistenti e la promozione della sottoscrizione del protocollo di controllo di vicinato per valorizzare il controllo sociale.

L’incontro si è concluso con l’intesa di continuare a monitorare costantemente l’efficacia delle azioni programmate.