Lecco, 3 febbraio. La Valsassina si può dire fiera della sua figlia canora. Il Coro Femminile Vandelia, attivo da tre anni con le sue quarantasette coriste, ha firmato un programma di concerti interregionali insieme ad alcuni tra i cori più importanti del nord Italia.

Dopo l’incontro col Coro Cantering di Roma nel 2018, l’apparizione col Coro Vos de Mont lo scorso novembre, il Vandelia sta creando uno stupore inaspettato. Forti della direzione dell’adrenalinica ed elegante Maria Grazia Riva, il coro approderà l’8 marzo ad Abbiategrasso (MI), il 4 aprile ad Adria (Bottrighe – RO), il 2 maggio a Seregno (MB) e sarà coro d’onore al concerto di Lecco per il Trentennale della Fondazione Telethon nell’Auditorium Casa dell’Economia della Camera di Commercio di Como e Lecco il 18 aprile. Insomma, un’alta espressione corale ricca di contenuti che strabiliano ogni volta gli ascoltatori con canti dell’alba e canti del tramonto, intrisi di quella dolce femminilità che non nasconde carattere e preparazione.

L’attività didattica, ben organizzata e partecipata, si sviluppa nelle prove del giovedì sera presso l’Auditorium parrocchiale di Barzio, per la cordialità del parroco don Lucio Galbiati, sostenitore del coro. Accanto alla direzione della Riva lavorano parallelamente un team di professionisti come il grafico e fotografo Simone Pozzoni, il presentatore e addetto stampa Michele Casadio, la presidente Cristina Barbini con il direttivo al completo, Mariagrazia Colombo, addetta alla comunicazione social media e altri.

Il coro si appoggia all’Unione Società Corali Italiane ed ha all’attivo una pagina sul sito italiacori.it dove si possono trovare tutte le informazioni sul gruppo. La mission che sta portando il Vandelia ad un buon livello di visibilità e di gradimento è ricamata attorno alla sincerità dei significati espressi, all’armonia che lega le coriste e alla voglia di cantare, sempre e con sentimento. Nessun canto, neanche tra quelli apparentemente più semplici o conosciuti è dato per scontato, né per interpretazione, né per narrazione. Ad ogni brano è conferita una sorta di sacralità che porta il Vandelia a cantare con responsabilità.

Un coro, oggi come oggi, specie nel genere di ispirazione popolare, è chiamato ad un compito grande, quello della sensibilizzazione. Non si può cantare e basta, serve una vera e propria presa di coscienza. La Riva, direttrice già del Coro Valsassina di Cremeno, orgogliosa di questa compagine nata dalle sue mani, è amata dalle sue coriste come il capitano di una nave, che sa per certo da dove è partita, ma ogni giorno trova sempre nuove rotte ed assapora il vento dell’infinito.

Chiunque voglia contattare il coro, lo può fare attraverso l’indirizzo mail: presidente.corovandelia@gmail.com.