Lecco, 23 dicembre. Silea esce “pulita” dall’affare smaltimento rifiuti campani. La vicenda relativa ai presunti illeciti compiuti da Silea sullo smaltimento dei rifiuti provenienti dalla Campania, istruita dalla Procura della Repubblica di Brescia, si è conclusa. Silea non risulta destinataria di alcuna imputazione relativa a reati ambientali, così come il funzionario aziendale non risulta essere stato indagato per quanto sopra.

LA SODDISFAZIONE DEL DIRETTORE

“Siamo particolarmente soddisfatti che la Magistratura abbia potuto appurare quanto da noi sostenuto sin dall’origine – afferma il direttore generale di Silea, Marco Peverelli -. Del resto da parte nostra sin dagli inizi dell’indagine abbiamo sostenuto questa posizione, forti anche dei risultati del processo di verifica interna compiuti”. La vicenda, va ricordato, risale all’estate 2017, quando Paolo Bonacina, amministratore unico della Bps Srl di Torre Parravicina viene arrestato a seguito di un’indagine svolta dai Carabinieri del Noe, nucleo operativo ecologico di Milano, su un presunto smaltimento illecito di rifiuti. “In casi come questi – continua Peverelli – ci attendiamo che i media utilizzino lo stesso metro con il quale hanno paventato il coinvolgimento di Silea in questa vicenda. Purtroppo è facile sollevare polveroni e agitare spettri, senza mai assumersi la responsabilità di gestire con etica e coscienza informazioni delicate, che coinvolgono in modo più o meno diretto delle persone”.

LA RIVINCITA DI SILEA

“Allo stesso modo vorremmo che quanti, a titolo individuale o in qualità di portavoci di associazioni, si sono immediatamente scagliati contro SILEA e i suoi dipendenti agitando spettri di tipo giustizialista, si rendano conto che, prima di muovere accuse gratuite, sia necessario piuttosto attendere lo sviluppo delle indagini della Magistratura. Per onestà intellettuale sarebbe da auspicarsi almeno un atto di scuse formali”.