Lecco, 19-12-2019

Il consigliere provinciale Paolo Lanfranchi esprime la sua opinione in merito al comunicato emesso dalla Provincia di Lecco sul prolungamento della tangenziale est verso i comuni del lecchese.

“In merito al comunicato stampa, mi permetto di fare alcune considerazioni, che sicuramente frenano, almeno per quanto mi riguarda, l’entusiasmo espresso dallo stesso.

Ritengo che il prolungamento della tangenziale, in un territorio ampiamente urbanizzato come il nostro, avrebbe un impatto devastante da un punto di vista anche ambientale.

Il prolungamento dell’arteria stradale, inoltre, sposterebbe solo il problema, non risolvendo gli ingorghi stradali.

A farne le spese sarebbero i territori di Olginate, Pescate e Lecco.

Meglio sarebbe investire tempo, risorse e progettualità sul problema del collegamento ferroviario Milano/Lecco, rendendo più vivibile la quotidianità dei pendolari.

Il trasporto che dobbiamo incentivare è proprio questo, allo scopo di ridurre, oltre che lo stress dei malcapitati pendolari, anche le emissioni di CO2.

Ci si concentri sull’ incentivo al tele-lavoro, sulla promozione della mobilità sostenibile e sulla promozione dell’auto condivisa: si assorbirebbero meno risorse, economiche ed ambientali”.

Il Consigliere Provinciale

Gruppo “Democrazia è partecipazione”

Paolo Lanfranchi