Spogliatoi di calcio e pista d’atletica al palo. Non si muove foglia. C’è un problema “burocratico”. E così da venti giorni nessun lavoro è stato fatto, dopo la consegna del cantiere avvenuta il 3 settembre scorso: “I dirigenti d’area  – spiega l’Assessore ai Lavori Pubblici Corrado Valsecchi  – stanno studiando le carte e stanno parlando sia con il direttore lavori, Paolo Pettene dell’omonimo studio di Torino, che con le società del consorzio di Benevento che cura i lavori. Troveremo una soluzione ma non sappiamo in quanto tempo”. Pista e spogliatoi insomma rischiano di vedere la luce ben oltre il 2019… Si spera entro i primi mesi del 2020.

Intanto anche il campo di calcio langue. Nel senso che va avanti, ma non come ci si aspettava. L’ultimo atto ufficiale al proposito è del 27 novembre scorso quando il dirigente di Area Massimo Gatti ha preso atto del parere favorevole alla proroga di diciotto giorni dei termini contrattuali dei lavori relativi a “Interventi di riqualificazione e valorizzazione del centro sportivo Bione. Sub lotto B) riqualificazione campo da calcio 1 con rifacimento manto in erba sintetica e recinzioni”. Un parere positivo, quello sulla proroga, dato anche dal Direttore dei Lavori, l’architetto Paolo Pettene dello studio Architetto Paolo Pettene & Partners S.T.P. Srl di Poirino (TO), e dal Responsabile Unico del Procedimento Davide Cereda. Infatti l’impresa aggiudicataria dei lavori, la Fratelli Anastasi di Villafranca Tirrena (Messina) con istanza del 21 novembre 2019 ha addotto motivazioni indipendenti dalla propria volontà “condizioni di difficoltà operativa sul cantiere, dovute alle condizioni meteorologiche avverse e persistenti che si sono verificate nel mese di novembre”. Ma, ripetiamo, almeno questo lavoro va avanti. Gli altri… chissà