Lecco, 03 dicembre 2019. Alcuni docenti del Liceo Manzoni di Lecco (Laura Polo D’Ambrosio, Corrado Albini e Monica Putzu), partecipando al Bando PON FSE 4427 del 02/05/2017Fondi Strutturali Europei finalizzati al potenziamento dell’educazione al Patrimonio culturale, artistico, paesaggistico nelle scuole – hanno potuto, insieme a due classi di studenti di terza Liceo classico, studiare la realizzazione di una postazione ad alta tecnologia localizzata a Civate, presso la Casa del Pellegrino, che permetta al visitatore con limitazioni di mobilità di essere virtualmente accompagnato da una guida fino all’abbazia di San Pietro al Monte. Il progetto ha visto la condivisione e la collaborazione del Comune di Civate e della Parrocchia, della Fondazione Casa del Cieco e delle Associazioni Amici di San Pietro al Monte e Luce Nascosta, che con modalità diverse gestiscono e hanno in custodia i vari siti monumentali presenti a Civate.

Rispetto a ricostruzioni virtuali di musei e siti storico artistici diffuse a livello nazionale e internazionale, il progetto presenta la caratteristica unica di offrire – oltre a contenuti multimediali precaricati con possibilità di visualizzazioni 3D dell’edificio di San Pietro e dei suoi tesori, esplorazioni con il drone, filmati e interviste – un’esperienza in diretta condivisa con le persone che effettuano realmente la salita, garantendo un coinvolgimento sensoriale ed emotivo inedito. Il percorso, inoltre, è pensato anche in una versione di storytelling adatto ai visitatori più giovani e corredato con giochi interattivi.

La postazione sarà costituita da uno schermo touch collegato ad un software, con possibilità di proiezione su grande schermo per permetterne il contemporaneo utilizzo da parte di un gruppo di utenti. Ci sarà una guida che realmente accompagnerà il visitatore nella salita virtuale provvisto di un’attrezzatura portatile per assicurare un segnale audio e video in diretta del percorso. Sarà questa persona in cammino, dotato di una go-pro, che, al passaggio nelle 4 tappe di avvicinamento alla basilica, sbloccherà i contenuti multimediali rendendoli accessibili al pellegrino virtuale che siede nella postazione a valle. Una volta giunto a destinazione, cioè a San Pietro al Monte, il visitatore dalla sua postazione a valle potrà liberamente accedere a tutti gli altri contenuti multimediali che lo porteranno per tappe successive alla scoperta di San Pietro, come se stesse realmente visitando il monumento. Sono previsti inoltre visori immersivi per i contenuti multimediali e anche dei tablet per offrire gli stessi contenuti di realtà aumentata anche a chi può compiere la salita in autonomia.

La realizzazione di questa postazione ad alta tecnologia è stata resa possibile grazie al fondamentale contributo della Fondazione Comunitaria del Lecchese. Il servizio di accompagnamento lungo il percorso e di gestione della strumentazione avverrà grazie a progetti di PCTO (ex Alternanza Scuola-Lavoro) promossi per tutte le Scuole del territorio dall’Ufficio Scolastico Territoriale di Lecco, così da formare gruppi di giovani volontari attenti e attivi al bene comune. Il lavoro verrà svolto con la preziosa collaborazione delle Associazioni di Volontariato del territorio, con il Comune di Civate e con la Parrocchia, attuali custodi del sito benedettino.

La postazione, segno di inclusività e di condivisione, sarà fruibile da metà marzo 2020.