Lecco, 28 novembre 2019. Il suo nome è Lee Cheuk-yan, è un testimone di quanto accadde 30 anni fa a Piazza Tienanmen e nella mattinata di Sabato 30 novembre, alle ore 10,45, interverrà presso la Camera di Commercio per rievocare il drammatico accaduto nell’incontro “La libertà è la mia patria. Da Piazza Tienanmen a Hong Kong” , organizzato dal Liceo Leopardi in collaborazione con la rivista “Tempi”, il Centro Culturale Alessandro Manzoni e l’associazione culturale Esserci.

Non solo storia, però, ma anche presente e futuro nell’incontro di sabato: Lee Cheuk-yan  aiuterà infatti a comprendere anche la situazione attuale della città autonoma. Dopo esserne stato presidente, Lee è ora segretario generale dell’Alleanza democratica a sostegno dei movimenti democratici patriottici in Cina, e organizza l’annuale veglia di Victoria Park, l’unico posto in cui la tragedia del 4 giugno 1989 è riconosciuta su suolo cinese.

«Quando ci hanno segnalato la possibilità di riuscire a portare a Lecco questo testimone d’eccezione, ci siamo subito mobilitati per organizzare l’evento estendendo l’invito agli studenti delle altre scuole superiori del territorio – spiega la preside del Liceo Leopardi, Paola Perossi. In sala con noi infatti ci saranno anche i ragazzi e i docenti dell’istituto Maria Ausiliatrice, del Collegio Volta e del Liceo Grassi. Siamo certi che conoscere più a fondo ciò che è accaduto trent’anni fa possa aiutare i nostri studenti a comprendere meglio la realtà di oggi»

Inizialmente a questo incontro sarebbe dovuto intervenire Albert Ho – avvocato e politico, direttore del “Museo 4 Giugno” a Hong Kong – che purtroppo nei giorni scorsi ha subito un’aggressione da uomini incappucciati che lo hanno malmenato e dunque, per motivi di salute, non potrà essere presente a Lecco.