Prestigioso riconoscimento a Confartigianato Imprese Lecco per il progetto “ Parità virtuosa. Buone pratiche di conciliazione vita-lavoro in Lombardia”. Il Consiglio Pari Opportunità di Regione Lombardia ha istituito questo premio per valorizzare quelle associazioni e imprese che hanno messo in campo forme di lavoro back-line, part-time e smart-working e flessibilità nei turni per distribuire più adeguatamente il carico di lavoro. Di rilievo, tra i progetti pervenuti in Regione Lombardia, anche iniziative quali la pianificazione dell’orario durante le festività, quando i bambini sono a casa da scuola, la programmazione delle riunioni, il nido aziendale, l’allestimento di una sala allattamento e il supporto psicologico nutrizionale durante la gravidanza.

“Come Consiglio Pari Opportunità – ha dichiarato la presidente Letizia Caccavale – siamo colpite dal numero sempre crescente di casi nei quali viene denunciato come in Italia, per le donne, sia difficile costruire una famiglia, mettere al mondo figli e, allo stesso tempo, mantenere il posto di lavoro. Nel 2018 l’Ispettorato nazionale del lavoro ha registrato oltre 49mila dimissioni di lavoratrici madri e lavoratori padri. La Lombardia è molto coinvolta, anche per i grandi numeri del suo tessuto economico. Siamo piacevolmente sorprese del successo di questa prima edizione del premio per quantità e qualità di progetti presentati. Con questa iniziativa intendiamo valorizzare chi nella quotidianità agevola concretamente le lavoratrici e i lavoratori a conciliare il lavoro con la famiglia o la vita privata. Nella convinzione di poter anche far nascere positive contaminazioni di idee e networking virtuosi”.

Matilde Petracca a sinistra e Roberta Gagliardi

“Negli anni Confartigianato Imprese Lecco, la cui popolazione aziendale è prevalentemente giovane e di sesso femminile con carichi di cura, ha dimostrato una sensibilità crescente nei confronti dei temi della conciliazione vita-lavoro, sia internamente che come consulenza nei confronti delle aziende associate  – spiega Matilde Petracca, responsabile welfare & relazioni organizzative e referente per le politiche di conciliazione di Confartigianato Imprese Lecco – Dal 2013 è attivo uno sportello conciliazione, accessibile a tutti durante l’orario di lavoro, nell’ottica di attuazione di un modello di facilitazione di accesso a servizi per il welfare. Per quanto riguarda il welfare aziendale, sono state attuate numerose buone prassi tra cui il rimborso una tantum per attività di cura e la concessione provvisoria della riduzione dell’orario di lavoro legato ai carichi di cura. Quest’anno abbiamo sottoscritto un piano welfare per i dipendenti per il riconoscimento tramite l’utilizzo della piattaforma del buono welfare previsto dal contratto di riferimento.  Tra le azioni di conciliazione, molto apprezzato il servizio di copertura dei ponti scolastici con laboratori di lingua inglese, del pane, di falegnameria, cake design, origami, candele con educatrici professioniste e sevizio pranzo, svolto in sede per i figli dei dipendenti. E ancora – prosegue Petracca – per il benessere dei dipendenti abbiamo proposto in passato un corso  di Yoga  in pausa pranzo in sede, il corso di Krav Maga e attività formative realizzate in una modalità tale per cui è favorita una maggiore inclusione delle mamme lavoratrici, come il seminario dedicato al sequestro emotivo”.

L’evento di premiazione si è tenuto presso il Consiglio regionale della Lombardia a Palazzo Pirelli alla presenza di oltre 100 partecipanti tra rappresentanti delle realtà candidate, membri delle Istituzioni e della stampa.

Il video di Confartigianato Imprese Lecco.