Lecco, 20 novembre. Si avvicina l’appuntamento più importante promosso da ANACI Lecco in città: il convegno di studi e approfondimento in programma all’Aula Magna del Politecnico Polo Territoriale di Lecco, che si terrà nel pomeriggio del 27 novembre prossimo.

Il tema sarà di ampio respiro, con le novità tecnico-giuridiche che riguardano la gestione del condominio nel 2020 a fare da protagoniste. Tra gli argomenti trattati figurano la personalità giuridica del condominio alla ripartizione delle spese, la tutela dei crediti condominiali davanti al Giudice della Esecuzione, ma anche le manutenzioni straordinarie e le innovazioni per la riqualificazione energetica degli edifici, dalla sicurezza dei lavoratori alla redazione del contratto di appalto.

L’approfondimento vedrà la presenza di autorevoli esponenti del mondo del diritto, dal presidente del Tribunale di Lecco Ersilio Secchi al magistrato del Tribunale di Lecco Dario Colasanti, fino a Roberto Triola già presidente della Seconda Sezione della Corte Suprema. Interverranno anche esperti settoriali quali Annalisa Galante (Politecnico di Milano – Centro Studi ANACI Lecco), Fausto Moscatelli (direttore Centro Studi ANACI Varese) ed Eugenio Antonio Correale (direttore Centro Studi ANACI Lombardia e Milano).

Il convegno vede il patrocinio e la concessione di crediti formativi da parte del Collegio dei Geometri e Geometri Laureati di Lecco, dell’Ordine degli Architetti PCC di Lecco e di ANACI. L’apertura vedrà i saluti del presidente Marco Bandini, del Sindaco di Lecco Virginio Brivio, del presidente dell’Ordine degli avvocati di Lecco Francesco Facchini, del presidente del Collegio dei geometri Marco Tentori e del presidente dell’Ordine degli architetti Giulia Torregrossa.

“Abbiamo voluto, come tradizione, proporre un momento di confronto ai più alti livelli sui temi che riguardano la gestione condominiale – spiega Marco Bandini, presidente di ANACI Lecco – nella consapevolezza della necessità di offrire spunti di approfondimento e riflessione su un contesto che coinvolge competenze e professionalità sempre più ampie e articolate. Saranno presenti come uditori anche avvocati, architetti e geometri, a conferma della centralità della figura dell’amministratore di condominio nella filiera della casa”.