Lecco, 24 ottobre 2019.  Le Rappresentanze Sindacali Unitarie (RSU) dei lavoratori dell’ASST di Lecco tornano a minacciare lo stato di agitazione e un nuovo eventuale sciopero. L’incontro di ieri tra direzione aziendale, RSU e sindacati – convocato per trovare soluzioni a seguito dello sciopero dello scorso 4 ottobre – si è infatti concluso prima del tempo con l’abbandono del tavolo delle trattative da parte della stessa RSU che, come si legge nel comunicato inviato a tutti i dipendenti dell’ospedale, ha ritenuto di non aver ricevuto “nessuna risposta risolutiva al disagio espresso dai lavoratori con lo sciopero del 4 ottobre”.

“Questa RSU  ha abbandonato l’incontro con l’impegno di ripresentarsi al tavolo quando saranno presentate proposte concrete per la risoluzione delle problematiche relativa alle carenza del personale, un piano di recupero ore e ferie arretrate, proposte contrattuali per i fondi produttività/premialità, fondo passaggi orizzontali, aumento indennità di disagio  e pagamento indennità di turno con modello 2/2/2, riconoscimento tempi di vestizione, aumento numero part time, analisi carichi di lavoro e criticità ( assenza personale, sospensione ferie e riposi, mobilità interne) per dipartimenti/servizi, integrazione del regolamento mobilità interna con bando annuale interno di concorso posti liberi e relative graduatorie”.