Lecco, 22 ottobre 2019. Grande entusiasmo tra i ragazzi che hanno preso parte alla prima edizione di “Fondamenta”, progetto nazionale della Fita (Federazione italiana teatro amatori), andata in scena da giovedì 17 a sabato 19 ottobre a Valmadrera. I giovani dai 18 ai 30 anni hanno partecipato ad un workshop gratuito sull’uso del linguaggio teatrale in situazioni di disagio o di fragilità, lavorando in special modo su un percorso di teatro con i bambini.

Lo stage della durata complessiva di diciotto ore, svoltosi presso il Centro culturale Fatebenefratelli, è stato curato da Roberta Parma (che ha seguito il laboratorio narrazione orale), e Roberta Giuffrida (laboratorio di scrittura e drammaturgia). Al termine i ragazzi si sono esibiti davanti a un gruppo di bambini, intrattenendoli. “Siamo orgogliosi dell’entusiasmo dimostrato da ragazzi e docenti – afferma la presidente di Fita Lombardia Elisabetta Sala – per essere la prima esperienza, possiamo dire di aver ottenuto un discreto successo, che speriamo di poter replicare prossimamente. Ringrazio il Comune di Valmadrera e la Fita Lecco per averci aiutato nell’organizzazione”.

Durante la giornata di sabato si è anche tenuto l’open day Fita regionale, rivolto alle compagnie teatrali amatoriali lombarde, tenuto principalmente da Giunio Lavizzari, che ha parlato della riforma del terzo settore. A seguire sono andati in scena alcuni spettacoli.

Tanti i commenti positivi sull’esperienza vissuta: “E’stata un’esperienza davvero arricchente – ha commentato Olga Ribero, 29enne cremonese – Questo progetto è inerente al mio percorso di studi, Scienze dell’educazione, e mi ha permesso di ottenere informazioni interessanti, assistere a spettacoli ed esibizioni”. Soddisfatto anche Alberto Binetti, 23enne barese attualmente a Milano per motivi di studio: “Abbiamo preparato un dialogo partendo dalla fiaba “Biancaneve e i sette nani”, questa volta però dal punto di vista dello specchio e della regina cattiva. È stato davvero stimolante”.