Il Lago di Como è il più inquinato d’Europa per quanto riguarda le microplastiche: lo dichiara il professor Gianfranco Pellegrino al quotidiano inglese Guardian. L’esperto, docente della Luiss di Roma, in un’intervista sostiene che la situazione nel Lago di Como, ma non solo, è davvero disastrosa: “Quello della plastica è un problema enorme che deve essere affrontato al più presto” ha affermato al giornale britannico.

Giovanni Currò, deputato comasco del Movimento 5 Stelle, commenta la notizia ricordando anche l’evento organizzato lo scorso anno proprio sul Lago di Como: “È necessario sensibilizzare maggiormente la comunità del Lario. Nel 2018 avevo organizzato una passeggiata sul lago che aveva coinvolto diversi parlamentari, per sottolineare l’importanza della salvaguardia dell’ambiente. Amiamo il nostro lag

Un momento di protesta del Movimento 5 Stelle a Como in occasione delle giornate “Plastic Free”

o per la sua bellezza, ma dobbiamo preservare le sue qualità naturalistiche. Per questo è fondamentale che tutti i cittadini siano a conoscenza della situazione e agiscano in prima persona per migliorare la salute delle nostre acque. Il Decreto Clima, inoltre, rappresenta il primo tentativo a livello governativo per uscire dall’immobilismo in cui il Paese ristagna da anni e fare un passo verso il Green New Deal. Il nostro obiettivo è ridurre le emissioni di CO2, rendere più verdi le città e tutte le aree urbane grazie alla piantumazione di migliaia di alberi, aumentare le risorse a disposizione di chi contrasta infrazioni gravissime come discariche abusive e contaminazione delle acque”.