Lecco, 2 ottobre. All’auditorium della Camera di Commercio è tutto pronto per la serata finale del Premio Manzoni al Romanzo Storico. L’evento organizzato da Associazione 50&Più vedrà tre opere contendersi il premio finale.

I manifesti del Premio Manzoni

Parliamo di “Dai tuoi occhi solamente” (Neri Pozza) scritto da Francesca Diotallevi, “Hamburg: la sabbia del tempo scomparso” (Il Saggiatore) romanzo di Marco Lupo e “Il gioco di Santa Oca” (La Nave di Teseo), opera di Laura Pariani.

Diotallevi, Lupo e Pariani saranno sul palco e dialogheranno con Ermanno Paccagnini e Stefano Motta, rispettivamente presidente e membro della Giuria Tecnica che negli scorsi mesi ha individuato i tre finalisti. Un momento di confronto e approfondimento sui testi e sugli autori che verrà inframmezzato dagli aggiornamenti relativi allo spoglio delle schede dei voti espressi dalla Giuria popolare, composta da 100 lettori: le buste saranno aperte alla presenza del notaio Federica Croce.

Ma durante la serata sono previste anche due importanti “finestre” su altrettanti riconoscimenti. Il primo – conferito dagli organizzatori di 50&Più Lecco e dal titolo “Storie di Lago” – verrà assegnato al giornalista e scrittore lecchese, Giorgio Spreafico per il libro “L’uomo delle Parole Incrociate” (Teka Edizioni) che fa emergere la figura dimenticata di Giuseppe Airoldi e tratteggia un’epoca importante e ricca per la città di Lecco.

Libri Premio Manzoni 2019

Il secondo riguarda invece il Premio Speciale della Giuria Tecnica che quest’anno andrà a Francesco Memo e Barbara Borlini per la graphic novel “La vita che desideri”, (Tunuè Editore) che racconta una storia di libertà sullo sfondo del periodo che comprende i conflitti mondiali del Novecento.

La serata è in programma sabato 12 ottobre con inizio alle 21 presso la Casa dell’Economia (ingresso gratuito fino a esaurimento dei posti).