Lecco, 27 settembre. “Contagious Emotion”. Questo il motto di Andrea Pesenato, il fuoriclasse di volo acrobatico che aprirà l’attesissimo show delle Frecce Tricolori in programma a Varenna per questo week-end.

Ma chi è Andrea Pesenato?
Originario della provincia di Verona, precisamente di San Zenone di Minerbe, Pesenato ha all’attivo oltre 2.000 ore di volo in Aviazione Generale e più di 700 nella disciplina del volo da diporto sportivo.
Dopo aver vinto il Campionato italiano nel 2011 (categoria Intermedia) e 8 anni di stop, quest’anno Andrea è tornato a gareggiare e, grazie al primo posto al Trofeo Crippa di Lugo e al secondo piazzamento nella competizione di Lucca, si è aggiudicato il titolo di Campione Italiano di acrobazia aerea a motore nella categoria Avanzata.

“Volare, una passione nata quando ero bambino. Emozione? Un termine abusato. Ma quando, appena atterri, vedi un fiume di persone che ti si fanno incontro con le lacrime agli occhi per la commozione e la gioia, ecco, quello per me significa riuscire a trasmettere emozioni. Sentimenti del tutto soggettivi, eppure universali.
E’ come per la bellezza, ciascuno la valuta secondo propri criteri, ma non puoi negare ciò che è bello”.

Una carriera costruita allenamento dopo allenamento, presso l’aeroporto di Legnago. Qui, appuntamenti fondamentali per il suo training sono quelli con istruttori del calibro di Baptiste Vignes, già campione del mondo di acrobazia aerea e pilota Red Bull Air Race. E poi volando da solo, durante l’anno, perché l’acrobazia è un’attività che richiede pratica e perseveranza. E una dose di coraggio fuori dal comune.

“Con il mio monoposto, passo da +8,3 G a -7G. Cosa significa? Che peso 80 chili, ma è come se arrivassi a pesarne 650 – spiega – Ed è come avere un carico di 460 chili sul collo, stando a testa in giù. L’impegno fisico è notevole, la difficoltà contrastare le accelerazioni per mantenere costante il flusso sanguigno al cervello ed evitare di perdere i sensi”.

Durante l’Air Show di Varenna, Andrea per 12 minuti terrà gli spettatori con gli occhi fissi al cielo. Aprirà il “Centro Lago di Como Air Show” a bordo del suo monoposto CAP 231 (apertura alare di 8,8 metri, peso massimo al decollo di 820 chili), con motore Lycoming AEIO-540-L1 B5D air-cooled flat-six, 224 kW (300 hp) in grado di resistere a +9 e a -9 G. Un aereo dalla storia importante, poiché appartenuto a tre campioni del mondo e se nel corso delle gare ufficiali, i giudici valutano la precisione delle figure eseguite, è negli Air Show che Pesenato riesce a esprimere il suo personalissimo modo di volare, trovando, di volta in volta, una nuova ispirazione, come accade ai veri artisti.

“Ovviamente, propongo manovre provate e riprovate in allenamento – commenta – ma il valore aggiunto è la spettacolarità. Ogni esibizione è differente l’una dall’altra. Dipende da come mi sento in quel momento, dal tipo di luce, dal contesto in cui mi trovo. Anche a Varenna sarà così, tanto che il programma di domenica sarà diverso da quello che eseguirò durante le prove di sabato”.

Dunque tutti col naso all’insù e il fiato sospeso per ammirare le prodezze di Andrea e rimanere a bocca aperta!

“Non c’è una volta, prima di salire sul mio monoposto, che io non pensi: da piccolo, volevo essere un pilota e ora sono qui. E quando scendo: sognavo di pilotare un aereo e oggi l’ho fatto”.

Credit Matteo Chinellato

 

Credit @fabio3lake_Fabio Ciabatti
 

 

Credit Andrea Pesenato
 (Immagini concesse da Ufficio Stampa Centro Lago di Como Air Show)
Credit Eleonora Negri – Trofeo Crippa

RICORDIAMO IL PROGRAMMA DEL “CENTRO LAGO DI COMO AIR SHOW

 
Sabato 28 settembre 
10.30-12.00 Prove aerei acrobatici CAP 231 e CAP 231 DS
12.00-12.30 Prove Frecce Tricolori (l’esibizione è identica a quella di domenica: unica eccezione, i fumi saranno bianchi)
Domenica 29 settembre 
10.30-12 Esibizione aerei acrobatici CAP 231 e CAP 231 DS; dimostrazione di soccorso in acqua con l’elicottero SAR dell’Aeronautica Militare; sorvolo e ammaraggi degli idrovolanti dell’Aero Club di Como
12-12.30 Esibizione Frecce Tricolori
12.30-13.00 Saluto rappresentanti istituzionali e intervento del Presidente dell’Associazione Vittime del Dovere