Lecco, 21 settembre 2019 – La Radioterapia dell’ospedale Manzoni di Lecco fa un salto di qualità: arriva l’acceleratore lineare da 3 milioni di euro che cambia la vita dei pazienti oncologici. Più di 50 trattamenti al giorno, una precisione quasi chirurgica nel “bruciare” le parti del corpo malate a causa del tumore, un’intensità maggiore del fascio radiante e, soprattutto, un’esposizione alla radiazione limitata solamente alla parte malata. Grazie alla raccolta fondi di “Cancro Primo Aiuto” che è riuscita a mettere nel salvadanaio ben 300mila euro, e ai 2,7 milioni di euro messi a disposizione da Regione Lombardia, ieri è stato inaugurato il macchinario che dà più speranze e migliori cure ai nostri malati. L’intervista al direttore generale di Asst Paolo Favini, all’assessore regionale alla Sanità Giulio Gallera e al primario della Radioterapia Carlo Soatti.