Lecco, 18 settembre 2019. Tre persone decedute e un ferito, questo il bilancio della tragedia che si è consumata nella serata di ieri, a Venezia, in località Lunata, tra punta Sabbioni e il Lido. A perdere la vita a bordo di uno scafo offshore che stava tentando  di battere il record della traversata Venezia-Montecarlo e che si è schiantata poco prima dell’arrivo contro la diga di San Nicoletto, sono il pluricampione di motonautica Fabio Buzzi – noto imprenditore oggionese di 76 anni a capo della FB Design – Luca Nicolini, imprenditore e pilota di Oggiono, protagonista per anni del mondo dell’offshore, e un altro pilota inglese. Rimasto ferito nell’incidente, ma fortunatamente non in modo grave, invece, un terzo lecchese, Mario Invernizzi.

Quest’ultimo è stato prontamente trasportato all’Ospedale Civile di Venezia dopo essere stato sbalzato fuori dall’imbarcazione a causa dello schianto. Le sue condizioni inizialmente erano parse gravi, ma fortunatamente per lui la situazione si sta risolvendo e sembra che la prognosi verrà sciolta probabilmente nel giro di qualche ora .

Nel frattempo i magistrati stanno indagando le cause dello schianto. Da una prima ricostruzione pare che la barca, in piena velocità e ormai a pochissime miglia di distanza dall’arrivo, sia finita contro un ‘muro’ affiorante a pochi centimetri dall’acqua e costruito per proteggere le paratie artificiali del Mose. L’imbarcazione si sarebbe quindi impennata e avrebbe iniziato ad affondare dalla poppa.

Al momento dello schianto, Mario Invernizzi, a differenza dei suoi compagni, non era legato dalle cinture di sicurezza e questo gli ha permesso di venire sbalzato fuori dall’imbarcazione e di salvarsi la vita. Quel che è certo, è che i piloti a bordo dell’offshore potevano vantare una certa esperienza nel settore e numerosi successi che ne comprovano le abilità. Fabio Buzzi, in particolare, aveva fondato nel 1971 la FB Design per sviluppare e costruire proprio barche a motore veloci e da competizione. In 40 anni di attività, le sue imbarcazioni  hanno vinto 52 campionati del mondo offshore, 7 Harsmsworth Trophy e ottenuto 56 record mondiali di velocità. Se fosse riuscito a terminare la traversata di ieri, probabilmente avrebbe agguantato un nuovo record: sembra infatti che l’imbarcazione viaggiasse proprio con un ottimo tempo.

Le parole del Sindaco di Valmadrera:”A nome dell’ Amministrazione Comunale di Valmadrera partecipo all’ improvvisa e drammatica scomparsa di Fabio Buzzi, imprenditore e sportivo di grande valore, a cui mi legava una profonda stima e amicizia da oltre 15 anni. Ospite e premiato alla Serata dello Sport del Comune di Valmadrera, aveva trasformato una zona di degrado nel gioiello imprenditoriale del Moregatto. Ci eravamo sentiti pochi giorni fa per un ulteriore potenziamento dell’ attività e per alcune esigenze. Inoltre era una persona dal rapporto diretto, franco, talora burbero ma estremamente generoso. Lascia un grande vuoto nella nostra comunità”.
Antonio Rusconi Sindaco di Valmadrera