5, settembre. La Confcommercio di Lecco, per voce del suo presidente Antonio Peccati, accoglie il nuovo governo, il Conte bis, richiedendo alcune riforme importanti per la categoria. Le priorità di Confcommercio sono la stesura della nuova legge di bilancio, che deve evitare l’aumento dell’IVA, e la riduzione del cuneo fiscale sul costo del lavoro, oltre alla riforma in toto delle imposte IRPEF.

Antonio Peccati, presidente Confcommercio Lecco.

Confcommercio si aspetta anche di essere interpellata riguardo ad alcuni dei temi centrali del nuovo governo, come i costi energetici e il salario minimo, così da collaborare alla stesura di nuove riforme.

 

Il presidente Peccati poi conclude: “Per fare ripartire i consumi servono meno tensione e più tranquillità. Se il cittadino non si sente sereno e fiducioso, rimanda gli investimenti se non sono urgenti e improrogabili. E questo blocca la domanda interna, che è fondamentale per la nostra economia e le nostre imprese. Da lecchese, infine, mi auguro che ci sia maggiore attenzione al nostro territorio dal punto di vista delle infrastrutture, che restano una delle emergenze più evidenti”.