Lecco, 26 agosto. Seminari e masterclass per professionisti e dilettanti, concerti e lezioni-concerti. Questo il ricco menù impaginato dalle Giornate di musica antica, un’iniziativa didattica e culturale di ampio respiro, che si svolgerà a Lecco dal 28 agosto al primo settembre.

La proposta, che giunge alla seconda edizione dopo il successo dello scorso anno, è del Civico Istituto Musicale “G. Zelioli” del Comune di Lecco. Lo scopo è creare un punto di riferimento di alto livello sul repertorio medievale, rinascimentale e del primo Seicento, animando per quattro giorni la città con una full immersion che valorizza anche luoghi significativi, ma poco conosciuti.

La realizzazione è stata resa possibile dalla Fondazione Clerici, alla quale il Comune di Lecco ha affidato la gestione della scuola, con il contributo della Fondazione Comunitaria del Lecchese e del partner tecnico Formatech.

Focus dell’edizione 2019 è la musica della Controriforma, in particolare l’affascinante repertorio di canzoni spirituali costruite su note arie profane che costituisce il versante musicale dei Sacri Monti e dei grandi santuari mariani delle Alpi. I brani sono tratti dalla straordinaria raccolta delle “Canzonette spirituali” stampate nel 1657 a uso dell’oratorio filippino di Chiavenna (Sondrio).

I seminari, tenuti da docenti di livello internazionale, si svolgono nella sede di Villa Gomes, che ospiterà, giovedì 29 agosto alle ore 18.30, una lezione-concerto sul liuto e sugli strumenti della stessa famiglia, tenuta da Elisa La Marca, una delle più qualificate giovani musiciste oggi attive sulla scena nazionale e internazionale.

L’inaugurazione dell’iniziativa avverrà la sera precedente, mercoledì 28 agosto alle ore 21.15, nella chiesa di Santa Marta, con il concerto Cantate Domino, un’ampia panoramica sulla musica sacra in Lombardia all’epoca della Riforma cattolica presentata dall’ensemble Giacomo Carissimi diretto da Massimo Borassi e Marco dell’Oro, con la partecipazione di Giovanni Amico, al violone, e Silvia Faggion, al liuto. L’ingresso è libero.

Il concerto in Santa Marta dà il via un vero e proprio percorso nello spazio sacro che circonda la basilica di San Nicolò. Sabato 31 agosto, alle ore 21.15, si potrà godere dell’eccezionale opportunità della salita notturna, con visita guidata, al Campanile della Basilica di S. Nicolò, seguita da un trascinante concerto di musica per fiati antichi realizzato da docenti e allievi dell’ensemble UtFaSol, con musicisti quali Pietro Modesti (cornetto), Massimiliano Dragoni (percussioni), Nathaniel Wood (trombone) e Vladimiro Vagnetti (bombarda). Dato il numero limitato di posti disponibili è obbligatoria la prenotazione, entro giovedì 29 agosto, alla e-mail info@civicalecco.org. Oltre allo spettacolo, è prevista la visita guidata alla torre campanaria. L’ingresso prevede un’offerta libera alle guide che curano la visita.

Un luogo probabilmente sconosciuto alla maggior parte del pubblico ospiterà domenica 1 settembre alle 16.30 il concerto finale della rassegna Senta ognun questo mio canto, a cura di Nicola Sansone e Roberto Balconi, dedicato alle canzoni spirituali dell’epoca della Controriforma e alle loro controparti profane. Lo spettacolo si svolgerà nel Chiostro antico della Canonica di San Nicolò (ingresso da Piazza Carmenati). Un’occasione da non perdere per ascoltare musica di grande bellezza in un contesto suggestivo e insolito. Ingresso libero.

Ricordiamo che è ancora possibile iscriversi ai seminari di strumento e canto: la quota di partecipazione è di 100 euro (è possibile partecipare come uditori al costo di 5 euro). Per informazioni e iscrizioni scrivere all’indirizzo di posta elettronica info@civicalecco.org o telefonare al numero 0341 422782.

Nella foto di copertina: Roberto Balconi, Elisa La Marca, Pietro Modesti.