Lecco, 17 luglio.  Sono stati assegnati i lavori esterni di riqualificazione del Bione, ovvero il rifacimento di spogliatoi, campo di calcio numero 1 e pista d’atletica.

Il bando A, relativo al blocco degli spogliatoi dei campi 2,3,4 e 5 del centro, è stato assegnato alla ditta Serrantoni S.r.l. di Milano con un ribasso del 28,030% sull’importo a base di gara di  910.694,06 euro e a fronte di 10 partecipanti ammessi alla gara d’appalto.

Il bando B, relativo al campo da calcio numero 1, è stato aggiudicatoalla ditta F.lli Anastasi s.r.l. di Villafranca Tirrena con un ribasso del 25,46% sull’importo a base di gara di 576.034,37 euro e a fronte di 34 partecipanti ammessi alla gara d’appalto.

Il bando C, relativo alla pista d’atletica, è stato assegnato al Consorzio Stabile Medil Scarl di Benevento, che ha designato all’esecuzione l’impresa Metalsystem S.r.l. di Lariano, con un ribasso del 23,69 % sull’importo a base di gara di 460.839,62 euro e a fronte di 23 partecipanti ammessi alla gara d’appalto.

Soddisfazione è stata espressa dall’assessore ai Lavori Pubblici Corrado Valsecchi: «Sono stati appaltati i tre interventi funzionali alla riqualificazione del centro sportivo comunale “Al Bione”. Questi lavori seguono quelli già effettuati sull’impianto fognario (da parte di Lario Reti Holding, n.d.r.) e si concentreranno sul rifacimento di alcune aree e strutture sportive e funzionali esterne. Ci auguriamo di cuore che le imprese che hanno vinto gli appalti siano motivate a rispettare il capitolato e i tempi di realizzazione degli interventi. Da parte nostra ci sarà la massima attenzione nel controllarne l’operato al fine di consentire al più presto la fruibilità da parte degli utenti degli impianti dedicati all’atletica e al calcio interessati dai lavori».

Sui tempi si parla di fine settembre-inizio ottobre. Ma neanche l’assessore allo Sport Roberto Nigriello si sbilancia: «La palla passa ora alle aziende vincitrici delle diverse gare. Teniamo fede in questo modo agli accordi intercorsi in questi mesi con le associazioni sportive che gravitano sul centro sportivo comunale e i sodalizi locali delle federazioni nazionali, alle quali ci auguriamo di restituire presto delle strutture più funzionali alle loro esigenze”.