Lecco, 15 luglio. Nel pomeriggio di ieri, domenica 14 luglio, gli uomini del CNSAS, Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico, hanno effettuato un delicato intervento per recupaerare un uomo caduto in un canale impervio ai piedi della Grigna Settentrionale. L’uomo, 56 anni di Milano, stava percorrendo il sentiero n. 25 che dalla località Cainallo di Esino Lario porta al rifugio Bogani, a quota 1580 metri.

Intorno alle 14:00 la SOREU dei Laghi ha allertato il Soccorso alpino. Subito si è compresa la gravità dell’intervento, perché l’escursionista non era visibile dal fratello che si trovava con lui, non rispondeva e non era raggiungibile, se non da persone con attrezzature e capacità alpinistiche.

La strategia in accordo con la Centrale, è stata quella di fare intervenire anche la squadra a terra della stazione Valsassina e Valvarrone in supporto all’equipe medica dell’elisoccorso di Como. Raggiunto il luogo i tecnici Cnsas, una decina, hanno stabilizzato il ferito e poi lo hanno recuperato con il verricello dell’elicottero. Un’operazione non facile, dato che l’escursionista si trovava all’interno di un canale impervio, con molte piante di alto fusto. Il fratello, illeso, è stato accompagnato al parcheggio. In questo caso, nella gestione dell’intervento è stata fondamentale la collaborazione con l’operatore della centrale SOREU dei Laghi.