Lecco, 3 luglio. “Le Olimpiadi a Lecco? Ci ho provato a portare le gare di Bob in provincia di Lecco, precisamente a Bobbio”. Chiosa così Antonio Rossi – riferendosi a quando la candidatura alle olimpiadi invernali 2026 vedeva Milano correre in solitaria. Olimpiadi che non giungeranno in provincia ma che la coinvolgeranno sotto l’aspetto economico, turistico e anche sportivo.

Il “come” rendere Lecco attiva nei confronti dell’evento a cinque cerchi si è discusso proprio ieri, mercoledì 2 luglio, in sala consigliare a Palazzo Bovara. L’incontro promosso dal consigliere comunale Filippo Boscagli ha coinvolto Antonio Rossi, sottosegretario di Regione Lombardia per le Olimpiadi, del Presidente della Provincia Claudio Usuelli,​ del Consigliere Regionale Mauro Piazza, di Marco Riva della giunta lombarda del CONI ed alcuni amministratori locali.

Francesca Bonacina, vicesindaco della città di Lecco che detto: “Antonio Rossi è un tramite che connette Lecco alla realtà internazionale delle olimpiadi. Per non restare con le braccia conserte Lecco deve fare un lavoro di squadra tra pubblico e privato con una strategia alle spalle”.

Lecco infatti non vuole essere solo un punto di passaggio ma aspira a diventare un polo attrattivo e turistico. “Inoltre Lecco – continua Bonacina – deve saper essere un polo per lo sport. Lo sport non è e non deve essere un elemento accessorio per queste Olimpiadi a Lecco”.

Sport e turismo sono le due faccia della carta olimpica che Lecco deve giocarsi.

Sulla stessa lunghezza d’onda Claudio Usuelli che afferma: “Per le Olimpiadi osservato speciale e destinatario principale di intervisti sono le strade. La provincia in sinergia con le realtà comunali e regionali è quello di spingere affinché Anas pigi il tasto dell’acceleratore per avere pronta non solo la Lecco-Bergamo (collegamento con il principale scalo aeroportuale del territorio nord orientale della Lombardia) e un completo restauro e messa in sicurezza della SS36”.

QUI l’intervento del Presidente provinciale in diretta

Lecco olimpica. Le olimpiadi a Milano e Cortina nel 2026 sono un'occasione per Lecco?

Pubblicato da Lecco FM su Martedì 2 luglio 2019

Gli ingredienti per una Lecco Olimpica prova a fornirli Marco Riva del CONI lombardo: Passione, competenza e concretezza sono elementi tipici Lombardi e lecchesi e sono quegli aspetti che hanno portato le Olimpiadi in Italia e in Lombardia.
Insieme agli aspetti agonistici le Olimpiadi hanno un aspetto di ricaduta infrastrutturale ed economico. Lo sport rende, è questo un messaggio che ha lanciato Milano-Cortina 2026, il mondo un posto migliore. E questo coinvolgimento migliorativo vale per i territorio che intercetteranno le Olimpiadi. Proprio come Lecco. Sport, salute, strade, entusiasmo, turismo ed economia saranno tasselli delle Olimpiadi italiane e Lombarde”.

QUI l’intervento di Antonio Rossi, sottosegretario di Regione Lombardia per le Olimpiadi, pluricampione olimpico per la canoa e lecchese DOC.

Il pluricampione olimpico e lecchese Antonio Rossi è e sarà l'anello di congiunzione tra l'evento internazionale delle Olimpiadi Milano-Cortina 2026 e l'evento che abbraccerà Lecco

Pubblicato da Lecco FM su Martedì 2 luglio 2019

Luca Cereda