Lecco, 2 luglio. Torna a Lecco Libero cinema in libera terra, il festival di cinema itinerante contro le mafie, promosso da Cinemovel Foundation e Libera Contro le Mafie con la sua “carovana” che porta i film nelle terre e negli spazi confiscati alle mafie e restituiti alla legalità. Filo rosso delle proiezioni: le migrazioni.
📌ECCO TUTTI GLI APPUNTAMENTI di Sabato 6 e Domenica 7 luglio a ingresso libero.
Eventi Galbiate sabato 6📌Sabato 6 luglio
Centro Le Querce di Mamre L’Arcobaleno Cooperativa Sociale, Via Caduti di Via Fani 12
📍Ore 20.00 Apertura #LIBERAILBENE: DAL BENE CONFISCATO AL BENE COMUNE.
Mostra degli elaborati premio “Paolo Cereda” – Bando per le scuole edizione 2019
📍SCATTO LIBERO. Sul grande schermo le fotografie fatte dagli studenti di Lecco e Galbiate
📍21.15 Proiezione del film LE INVISIBILI, di L. J. Petit con Ingresso gratuito

📌Domenica 7 luglio
A FIORE cucina in libertà, Via Belfiore 1, Lecco
📍Ore 21.15 proiezione del film “IL VEGETARIANO” di R. San Pietro, Girato tra il Gange e il Po, il film racconta la comunità indiana della pianura padana da una prospettiva multietnica

In caso di maltempo, l’evento del 6 si terrà all’Auditorium “Cesare Golfari”, in via I Maggio Galbiate, a Fiore-cucina in liberà l’evento si svolge già al coperto.

ANNIVERSARIO CONFISCA E RIUTILIZZO SOCIALE

Nell’anniversario dei quindici anni di attività, il Centro Diurno Integrato per anziani “Le Querce di Mamre” di Galbiate, della Cooperativa L’Arcobaleno, che ospita Sabato 6 Luglio, alle ore 21,15  la carovana di Libero Cinema in collaborazione con il Comune di Galbiate, la Caritas zonale e decanale e il Coordinamento lecchese di Libera e Libera Terra.

Prima però, alle ore 20.00, sarà possibile visitare la mostra degli elaborati finalisti del premio “Paolo Cereda” – Bando 2018/2019, concorso per le scuole secondarie di primo e di secondo grado della provincia di Lecco.
Prima della proiezione sarà offerto un buffet di benvenuto.

Evento Fiore domenica 7

I FILM

Il film in programma per la serata del 6 s’intitola “Le Invisibili” di L.J. Petit, brillante commedia sociale che ha come protagoniste alcune donne senza fissa dimora accolte dal centro di accoglienza diurno Envol ubicato nel Nord della Francia. Una doccia, un caffè, qualche ora di calore umano le confortano e le rimettono in piedi. Almeno fino al giorno in cui Audrey e Manu, che dirigono con polso e benevolenza il centro, non ricevono lo ‘sfratto’. I fondi sono sospesi secondo le disposizioni della municipalità che ritiene il tasso di reinserimento insufficiente e non vuole più dispensare senza risultati. Ma Audrey e Manu con l’aiuto di Hélène, psicologa trascurata dal marito, non si arrendono e decidono di installare clandestinamente un laboratorio terapeutico e un dormitorio.

Krishna, invece, è un giovane immigrato indiano figlio di un brahmino, ed è il protagonista delle proiezione che si terrà a Fiore-cucina in libertà domenica 7 “Il Vegetariano”. Il giovane lavora come mungitore e quando una mucca improduttiva sembra destinata al macello, Krishna sarà costretto a fare una difficile scelta che lo obbligherà a fare i conti con un nucleo secolare di convinzioni come la metempsicosi e il rispetto per tutte le forme di vita.

Quello che però il giovane indiano ha conservato nell’intimo è il convincimento di una interdipendenza e stretta connessione tra gli esseri viventi. Cerca a tutti i costi la salvezza della mucca numero 22 perché è sacra non per convenzione quasi folkloristica (agli occhi di un occidentale) ma per convinzione.

Khrishna è vegetariano non per moda ma per adesione a una filosofia di vita. Peccato che oggi anche ciò che è vegetale finisca per essere trattato con elementi chimici e che, in questo nostro Belpaese, proprio chi lavora nei campi sia spesso vittima di sfruttamento inumano.

LA CAROVANA, UN’IMMAGINE IN MOVIMENTO PER RIFLETTERE ED EDUCARE

Le esperienze delle Cooperative che lavorano sui beni confiscati alla mafia contribuiscono all’allargamento degli spazi democratici e, anche il cinema, in questo senso, dà il suo contributo. Soprattutto quel cinema “invisibile” che, per vari motivi, non riesce ad arrivare sugli schermi delle Sale di grande distribuzione. Il cinema itinerante può arrivare oltre e superare le barriere, portando i film direttamente alle persone, “costruisce relazioni”, rende la gente partecipe e protagonista di un evento.

 

Luca Cereda