Poche possibilità. Eppure, l’AcciaiTubi Picco Lecco sbanca il PalaCoim e porta la Chromavis Abo allo spareggio del “Bione”. Un epilogo insperato: senza Stomeo, Mandaglio e Sironi, le biancorosse si confermano l’incubo delle cremasche ed espugnano il loro palazzetto al termine di una gara che dimostra una cosa: ogni volta la Picco si spinge oltre gli ostacoli.

Una festa, per la Chromavis Abo, rovinata sul più bello. In un PalaCoim pieno in ogni  posto e con tanta gente in piedi, Offanengo è rincorso dallo 0-2 fino al 9-4 e, poi, 10-6 del quinto set, vedendo svanire una rimonta con i fiocchi per mano di Arianna Lancini e Cinzia Ferrario, portatrici di ace pesantissimi nel momento più teso della gara. Ripresa di fiducia che porta la Picco a chiudere 13-15 e porta il discorso alla “bella” di mercoledì (ore 20,30 al centro sportivo “Al Bione”).

Una gara 2 divisa in tre parti: la prima ha visto un’AcciaiTubi aggressiva nonostante le defezioni, in grado di portarsi dal 21-19 al 23-25. Ancora migliore la strada nella seconda frazione, dove l’Acciaitubi ha messo un break di 7-0 dal 12-12 al 12-19, resistendo alla fiamma locale (16-20) e chiudendo 18-25.

Il secondo atto, invece, è partito nel terzo set: l’ingresso di Virginia Marchesi in battuta ha aiutato la Chromavis Abo a ribaltare la situazione (13-8), ma le biancorosse sono rimaste incollate al parziale con  tre ace di  Cinzia Ferrario ad annullare il gap (17-17). Nel finale, decisiva la Cheli,  con due muri e un ace: 25-20 e partita riaperta. Il quarto set è ping-pong: sotto 10-4, la Picco riprende e supera Offanengo (14-15), ma cede dal 20-20 al 25-22.

Ultimo atto: in un PalaCoim scatenato, la squadra di coach Barbieri scappa sul 5-1 con il muro di Nicolini e con il contributo di Cheli e Porzio. Time out ospite, cambio campo sull’8-4 e poi un altro mini-break locale per il +5 (9-4). Successivamente si alza il muro, la battuta riprende a girare, si arriva al momento dell’impatto nel punteggio (da 10-6 a 11-11), poi arriva l’uno-due firmato Civitico-Santini che rimanda il discorso a mercoledì.

La Picco vede Alessia Roncon premiata dal DS locale Stefano Condina con la treccia d’oro, riconoscimento assegnato alla miglior giocatrice in campo. Slanciatissime Arianna Lancini (18 punti), Alice Santini (22 punti, +9 V-P) e Martina Martinelli(19 punti, +11 V-P), supportate dall’immensa Barbara Garzonio in ricezione. Alle locali, invece, non sono bastate Minati (19 punti), Cheli (16 punti, 4 muri), Porzio (17 punti) e Dalla Rosa (14 punti, 4 muri).

Ecco la certezza: chi arriva in finale incontrerà le modenesi del Emilbronzo 2000 Montale.

Chromavis Abo Offanengo 2-3 AcciaiTubi Picco Lecco (23-25, 18-25, 25-20, 25-22, 13-15)

Chromavis Abo Offanengo: Dalla Rosa 15, Cheli 19, Nicolini 8, Porzio 18, Gentili 8, Minati 19, Giampietri (L), Bressanelli, Marchesi 1. N.e.: Rossi, Russo, Raimondi, Colombetti (L). All.: Barbieri

AcciaiTubi Picco Lecco: Lancini 18, Ferrario 10, Martinelli 19, Santini 22, Civitico 8, Roncon 6, Garzonio (L), Badini 2, Mainetti. Ne.: Ronzoni, Dell’Oro, Stomeo. All.: Milano