Sognare non costa nulla, crederci fino in fondo nemmeno. Quando hai un cuore grande così, però, sognare è obbligatorio. Sognare di ribaltare otto punti di svantaggio a una corazzata come Moncalieri, sognare di arrivare in finale dei playoff per la promozione in A1. Paulo Coelho diceva: “Credo che solo una cosa renda impossibile la realizzazione di un sogno: la paura di fallire!“. Stasera dieci pantere con la canotta da giocatrici non hanno avuto neppure per un secondo quella paura e il sogno l’hanno realizzato sul serio. Hanno vinto 74-60 e sono in finale playoff, spinte da un pubblico meraviglioso in un’atmosfera che non può lasciarti la pelle d’oca se ami la pallacanestro. Onore a Moncalieri, che ha fatto un grandissimo campionato, che ha raggiunto la finale di Coppa Italia e che ha lottato alla grande sia in gara-1 che in gara-2. Vincere non è mai facile, farlo contro avversarie di questo livello è la perfetta testimonianza dell’impresa che è stata fatta. Siamo in finale, pantere.

La cronaca

Basket Costa parte con Balossi, Baldelli, Rulli, Picotti e Vente, mentre Moncalieri risponde con Conte, Landi, Katshitshi, Cordola e Grigoleit. Difesa a zona 2-3 per coach Pirola, che frutta subito una palla recuperata, con Baldelli che si invola in contropiede e sblocca il punteggio. Le pantere iniziano con una notevole intensità difensiva (alla fine del primo quarto saranno solo 11 i punti concessi alle piemontesi), mentre in fase offensiva fatica un po’ di più. Grigoleit segna i primi quattro punti per Moncalieri, che valgono il sorpasso, 2-4 al 3′. Cordola allunga, ma Baldelli risponde subito con un bel jumper e Picotti pareggia, ben assistita da Balossi, a quota 6. Le percentuali al tiro sono basse sia da una parte che dall’altra e allora ci pensa Spinelli a muovere il punteggio, 8-6 al 7′. Un po’ di sfortuna su alcune conclusioni dalla lunga distanza, mentre le piemontesi sono imprecise in fase offensiva: Rulli segna il 10-6, poi il gioco da tre punti di Trucco fa -1. Domizi sulla sirena trova il canestro del sorpasso per Moncalieri, 10-11 al 10′. Entra Tibè per dare ancora più energia alle pantere su entrambi i lati del campo, ma le percentuali al tiro della B&P Autoricambi Costa Masnaga continuano ad essere basse. Così, quando Katshitshi fa bottino pieno dalla lunetta, le ospiti sono a +3, 10-13. Spinelli accorcia, Tibè prima stoppa e poi va forte a rimbalzo, ma Moncalieri non perdona e la tripla di Conte vale il 12-16. Picotti è onnipresente e fa un lavoro pazzesco in fase difensiva, così come Frustaci che dà una bella scossa con la sua freschezza e intensità, recuperando palla e depositando due punti importanti in contropiede. Rulli sigla il sorpasso convertendo un bel rimbalzo offensivo, mentre Moncalieri non segna più per oltre 4′. Basket Costa non sfrutta l’inerzia favorevole e la tripla di Grigoleit è pesante, 17-19 al 16‘. Baldelli tira fuori dal cilindro due triple di fila e quando si sblocca anche Vente il palazzetto è incandescente e Basket Costa è avanti di 6, 25-19 al 17′. Le pantere hanno la possibilità di ampliare il gap, con diverse seconde chance su rimbalzo offensivo, ma non le sfruttano a dovere. Grigoleit sblocca Moncalieri con due liberi, poi la capitana Longoni segna due punti da sotto, dopo palla recuperata e rimbalzo offensivo di Picotti, per il 27-20. Time-out di coach Terzolo, poi botta e risposta tra Grigoleit e Baldelli ai liberi, 29-22 al 19′.Katshitshi segna da due e la tripla di Landi è di quelle che fanno malissimo: all’intervallo è tutto da rifare per Basket Costa, 29-27. Rulli apre il terzo quarto con due canestri dei suoi, Grigoleit accorcia dalla lunetta, ma è un gioco da tre punti di Baldelli a riportare le pantere sul +7, 36-29 al 22′. Picotti fa esplodere il palazzetto con il +9, ma Moncalieri non molla: parziale di 9-2 per riportarsi a -2, 40-38 al 25′. Spinelli e Berrad si rispondono dalla lunetta, poi Baldelli lancia Frustaci che, in contropiede, segna e subisce fallo e ridà nuovamente vigore all’allungo di Basket Costa, 44-40. Due liberi di Trucco riaccorciano nuovamente, ma la perfetta esecuzione del pick&roll tra Baldelli e Tibè, con canestro di Angelica, porta le pantere sul +5, 49-44 al 29′. Katshitshi infila altri due liberi, ma è dalla lunga distanza che Basket Costa dà il colpo di coda proprio nell’ultimo minuto della terza frazione. Le triple di Baldelli e Balossi accendono il palazzetto e fanno 55-46 al 30′.Grigoleit non molla e apre l’ultimo quarto con un bel canestro, a cui subito risponde Rulli su assist di Balossi, 57-48. Sempre la play vincitrice dell’Europeo con la Nazionale U16 dalla lunetta sigla il +11. L’intensità e la tensione salgono ancora di più: la mano di Picotti non trema, ma nemmeno quella di Trucco: 61-51 al 35′. Il cuore delle pantere è immenso e in difesa le energie sembrano moltiplicarsi. Picotti rischia di perdere palla, poi la recupera e serve Spinelli liberissima in angolo da tre punti: solo rete e sono tutti in piedi, sia sulla panchina di Basket Costa che sugli spalti, 64-51 al 36′. Trucco continua a segnare dalla lunetta, ma Baldelli trova dalla stessa posizione di pochi secondi prima la capitana Longoni: altro canestro pesante ed è una bolgia, 67-53 a 3’15” dalla fine. Conte prova a riaprirla con una tripla sfruttando una leggerezza difensiva delle pantere: immediato time-out di coach Pirola. Le pantere lottano e arrivano su ogni pallone con il cuore, recuperando anche quelli che sembravano persi. Da sotto Baldelli fa ancora +13, ma Moncalieri capitalizza un altro viaggio in lunetta e accorcia nuovamente. Baldelli ai liberi è glaciale, ma le piemontesi tentano il tutto per tutto: Rulli, intanto, esce per il suo quinto fallo. A 29″ dalla fine le pantere devono proteggere 5 punti di vantaggio, tenendo presente il -8 di gara-1, per raggiungere la finale: Berrad fa -11, poi Vente lanciata in contropiede da Baldelli segna il +13. Conte commette fallo in attacco e Baldelli la chiude dalla lunetta. Finisce 74-60: pubblico in festa e le nostre pantere non riescono a trattenere le lacrime alla fine, unendosi in uno splendido abbraccio in mezzo al campo.

Le interviste

Ecco le parole di un raggiante coach Pirola al termine della partita: “Volevamo provare a non fargli prendere l’inerzia, o per lo meno metterle nella situazione più difficile per loro. Abbiamo fatto proprio un bel lavoro” – sull’esultanza scomposta del vice Pierangelo Rossi dopo una tripla di Spinelli – “È un segnale di quanto ci credessimo, e soprattutto Pier ha perso il suo spirito immutabile per trasformarsi in Spider Man. Emblematico” – sul grande lavoro sporco fatto da Picotti – “Lei quest’anno ha completato il nostro modo di giocare. Lo dico da mesi. Indipendentemente dalle prestazioni ci ha portato a giocare in modo diverso, più completo. Stasera ha fatto dei recuperi e delle palle sporcate che hanno fatto la differenza” – sulle percentuali e la difesa – “Bloccando le transizioni e portando alla pari i rimbalzi in attacco, restava da dover segnare più di loro. Per farlo abbiamo dovuto anche tirare più di loro, partendo chiaramente da -8. Sono state bravissime anche loro, non scordiamoci che avevamo davanti una grandissima squadra” – sul pazzesco calore del pubblico – “Quando si riempie il palazzetto, quando a ogni canestro si scatena la bolgia, la squadra cambia, esplode, riesce a fare quel che altrove non può riuscire. Insomma, fa la differenza“.

Tabellino

B&P Autoricambi Costa Masnaga – Akronos Moncalieri 74-60 (10-11; 29-27; 55-46)

B&P Autoricambi Costa Masnaga: Discacciati ne, Longoni 5 (1/1, 1/3), Frustaci 4 (2/3), Rulli 10 5/9, 0/2), Balossi 6 (1/4, 1/4), Baldelli 28 (5/11, 3/6), Spinelli 9 (2/2, 1/2), Picotti 6 (3/5, 0/3), Tibè 2 (1/3), Vente 4 (2/11). All. Pirola

Rimbalzi 41 (17 off + 24 dif): Spinelli 9, Picotti 7, Rulli 6

Assist 15: Baldelli 5

Note: 2PT 21/49 43%, 6/20 30%, TL 14/20 70%, PP 14, PR 15, FF 26, FS 20