Non riesce nell’impresa di arrivare in finale Basket Costa, che si deve arrendere di fronte all’Akronos Moncalieri, in grado di mettere in campo un’intensità e un’aggressività pazzesche per tutto il match. Le pantere, nel secondo quarto, toccano anche il +10 in due occasioni, ma poi prestano il fianco alla rimonta delle piemontesi, guidate da Cordola e Grigoleit. La pressione difensiva di Moncalieri non consente alle ragazze di coach Pirola di trovare tiri puliti e la fatica in attacco si paga nel terzo parziale, con la Akronos che scappa via: tutti i tentativi delle pantere di ricucire lo strappo nell’ultimo quarto sono inutili, e Moncalieri riesce a toccare anche la doppia cifra di margine. L’ultimo sforzo profuso nel finale non produce, purtroppo, i risultati sperati, accorciando fino al -5 a una manciata di secondi dalla fine. La B&P Autoricambi Costa Masnaga esce a testa altissima da questa Coppa Italia, ad un soffio dal raggiungere la seconda finale negli ultimi tre anni.

La cronaca

Basket Costa parte in quintetto con Baldelli, Frustaci, Rulli, Picotti e Vente. L’inizio è molto equilibrato: Picotti prima sforna un assist in area per Vente e poi serve Rulli che, tirando buttandosi all’indietro, fa 6-4. Grigoleit in penetrazione pareggia subito e le due squadre si rispondono colpo su colpo. Rulli, innescata da Baldelli, buca la retina dalla lunga, Frustaci graffia a rimbalzo e in campo aperto, ma è sempre Grigoleit il problema principale per la difesa delle pantere e, con cinque punti di fila, firma il 13-15.
Rulli è scatenata e in men che non si dica è già in doppia cifra con la seconda tripla della sua partita, a cui aggiunge un grande arresto e tiro: Basket Costa rimette il naso avanti al 7′, 18-15. Entrano Spinelli, capitan Longoni e Tibè. Baldelli si prende la scena con una gran tripla e un canestro dalla media che significa +8, 23-15. Katshitshi, quasi sulla sirena, fa 0/2 dalla lunetta e il primo quarto finisce, quindi, sul 23-15. Le pantere sono in un parziale aperto di 10-0, ma i primi 2′ del sono quarto sono avari di canestri. Coach Pirola butta nella mischia anche Balossi per provare ad illuminare l’attacco, ma è Spinelli a sbloccare l’impasse dalla lunetta, 25-15, +10 e massimo vantaggio. Basket Costa in difesa, grazie all’energia di Picotti e Tibè, riesce a mettere la museruola alle lunghe avversarie e Balossi timbra il cartellino dalla lunga: massimo vantaggio sul 28-17. Moncalieri, dopo un time-out di coach Terzolo chiama la zona e Conte ai liberi riesce a muovere il tabellino, ma è subito Spinelli, convertendo un buon rimbalzo offensivo, a mantenere il vantaggio in doppia cifra, 30-19. Qui le pantere si bloccano, subendo l’aggressività difensiva della Akronos, che rientra in partita con un 7-0 di parziale, firmato da Giangrasso, Grigoleit e Cordola, ricucendo fino al -4, 30-26. Balossi serve un cioccolatino per Vente che segna da sotto, ma Conte replica subito dalla lunga distanza. L’energia di Grigoleit continua a far male alla B&P Autoricambi Costa Masnaga: Vente segna solo un libero ed è Cordola, dopo un rimbalzo offensivo, a siglare il 33-33. Vente fa di nuovo 1/2 dalla lunetta, Rulli commette il terzo fallo, ma Moncalieri ormai è in gas e sorpassa. Basket Costa fa una gran fatica a trovare tiri puliti in attacco e la seconda frazione si chiude sul 34-35. Coach Pirola riparte con Rulli, Vente, Picotti, Balossi e Baldelli. È proprio la nostra campionessa del mondo ad aprire la terza frazione con una gran tripla su assist di Baldelli. Grigoleit a rimbalzo offensivo ha un’energia pazzesca e pareggia i conti sul 37-37. Adesso Moncalieri ha completamente in mano l’inerzia del match, con Conte e Cordola che producono un primo allungo con un parziale di 6-0.Vente sblocca il punteggio con un canestro in area, ma i due punti di Domizi non fanno altro che rinsaldare le certezze delle piemontesi, 39-43. Basket Costa, però, ha un moto d’orgoglio e impatta grazie a 4 punti in fila di Vente, prima con un gran movimento in area e poi in transizione ben servita da Balossi e Baldelli: 43-43 al 23′. Moncalieri si aggrappa a Cordola, intanto, è una spina nel fianco nella difesa delle pantere: otto punti in fila e quota diciannove raggiunta. Quando la tripla frontale di Domizi va a segno, Moncalieri tocca il +8, 46-54 al 27′. Basket Costa ora fa una gran fatica a trovare tiri puliti, merito dell’intensità difensiva, a volte fin troppo eccessiva con un metro arbitrale troppo permissivo, delle piemontesi. In difesa coach Pirola chiama la zona per provare a rallentare Moncalieri e Baldelli muove il punteggio con due liberi, 48-54 al 28′. Conte ne segna cinque in fila e ricaccia a -11 le pantere, ma capitan Longoni non ha alcuna intenzione di arrendersi, firmando il 51-60 al 30′. L’ultimo quarto è battezzato ancora da Grigoleit, che fa volare Moncalieri sul 51-64 al 32′. Basket Costa continua a subire l’energia e l’aggressività di Moncalieri e trova punti solo dalla lunetta. Rulli, con un gran arresto e tiro, trova il -10, 54-64, ma Cordola è un rebus difficile da risolvere in difesa e continua a fare danni sotto canestro. Baldelli in penetrazione segna con uno spettacolare lob e subisce fallo: 57-66 a 6’27” dalla fine. La partita si accende sempre di più: Conte, in transizione, punisce le pantere, che si aggrappano a capitan Longoni, che dalla lunga suona la carica per il -9 al 34′. In campo ormai è una rumba: gli arbitri non fischiano nulla e ogni contatto è permesso. Cordola continua a far male, mentre i liberi di Vente accorciano fino al 63-71. Domizi segna un canestro difficile, Vente di nuovo da sotto fa -8 a 2’23” dalla fine. Katshitshi segna un libero, Baldelli dalla lunetta riporta le pantere a -7, 67-74 a 1’39” dalla fine. Il canestro della staffa, però, arriva ancora da Grigoleit. Rulli dalla lunetta è glaciale, ma ormai è tardi: lo slalom di Baldelli in penetrazione ricuce fino a -5, ma non c’è più tempo e il contropiede di Berrad vuol dire finale per Moncalieri, che si scontrerà con Cremadomani alle 19. Finisce 71-78.

Le interviste

Ecco le parole di coach Pirola alla fine della semifinale: “Moncalieri ha messo in campo un’energia incredibile: noi dovevamo collaborare meglio sui blocchi in difesa per stare a contatto. Sono contento dell’apporto di chi è entrato in campo: a livello fisico siamo un po’ più indietro con alcune ragazze, serve rispettare i tempi di crescita fisica e tecnica. Loro hanno difeso molto molto forte, togliendoci spazi e tempi dei giochi. Poi in alcune occasioni si sono aggiunte delle valutazioni di 3″ o falli in attacco che ci hanno tolto altra inerzia. Con questo metro che favorisce l’1vs1 e penalizza il gioco di passaggi fatichiamo. In difesa, invece, siamo stati troppo alterni per tutti i 40′. Offensivamente, quando è cresciuta la loro fisicità, i tiri puliti sono stati più difficili da trovare“. A testa alta sempre e comunque: cosa insegna un’esperienza del genere? “Insegna che serve più fisicità e capacità di collaborazione. Lo sport è così, ti chiede sempre qualcosa in più. Si può cercare un alibi o rispondere onestamente alle domande che ti pone: sta a noi scegliere“.

Tabellino

B&P Autoricambi Costa Masnaga – Akronos Moncalieri 71-78 (23-15; 34-35; 51-60)

B&P Autoricambi Costa Masnaga: Discacciati ne, Allevi ne, Longoni 6 (2/9 da 3), Frustaci (0/1 da 3), Rulli 19 (4/5, 3/6), Balossi 3 (0/2, 1/2), Baldelli 16 (4/8, 1/8), Spinelli 4 (1/3 da 2), Picotti 1 (0/1, 0/2), Tibè (0/2), Vente 22 (7/11 da 2). All. Pirola

Rimbalzi 29 (9 off + 20 dif): Picotti 7, Vente 5

Assist 14: Baldelli 8

Note: TL 18/23 78%, 2PT 16/32 50%, 3PT 7/28 25%, PP 17, PR 4, FF 20, FS 19

Moncalieri: Cordola 23, Diotti, Conte 10, Landi 1, Poletti ne, Berrad 7, Domizi 11, Katshitshi 1, Giangrasso 2, Bosco

Grigoleit 21, Hernandez 2. All. Terzolo.