Riportiamo i comunicati delle squadre provinciali di serie d.

NIBIONNO:

DISITALY NIBIONNO 69 CIVATE 74

Bella prestazione dei ragazzi della Disitaly Nibionno che riescono quasi a fare lo sgambetto alla prima in classifica. Sugli scudi il rientrante Corbi, che trascina il nostro attacco con una super prestazione . Peccato per la partenza troppo timida che ci ha costretto ad inseguire fin dall’inizio costringendo a spendere energie che poi sono mancate nel finale dove , pur riuscendo a raggiungere e superare gli ospiti , abbiamo peccato in alcuni episodi decisivi. L’esperienza di Civate infatti ha fatto la differenza nei minuti finali e ci ha tolto la possibilità di gioire per una vittoria che sarebbe stata meritatissima. Rimane comunque la convinzione di essere pronti a giocarcela contro tutti e che se l’atteggiamento sarà quello di stasera , venderemo cara la pelle.
La cronaca
Inizio veramente pessimo per i ragazzi di coach Corbetta. Il piano partita che prevedeva il contenimento di Castagna e Corti si rivela presto insufficiente. Mentre noi fatichiamo da morire ad andare a canestro , Civate non sbaglia nulla e trova proprio in Castagna un arma quasi letale con 2 triple consecutive e 10 punti nel quarto. Per noi , tanti errori in attacco con palloni buttati via e un magro bottino di 3 liberi e 2 canestri , protagonisti nell’occasione Corbi e Zado ( sicuramente tra i migliori di giornata ).
Raccogliamo le idee e ripartiamo più convinti nel secondo quarto. Cerchiamo Zado sotto canestro e veniamo ripagati da 4 punti consecutivi, ritroviamo spazi sul perimetro , ma soprattutto riprendiamo fiducia. In difesa chiudiamo meglio il pitturato e costringiamo gli ospiti a conclusioni dalla distanza , ma soprattutto cresciamo in atteggiamento e cominciamo a mordere in attacco. Un bel canestro di Zigno dà il là alla ripartenza nostra. Jaja piazza 4 punti consecutivi ed è ancora Corbi a seminare il panico tra le linee difensive avversarie piazzando due triple che ci regalano fiducia ed energia. Ma per gli ospiti è ancora Castagna a sorreggere l’attacco e non riusciamo a trovare contromisure per limitarne l’efficacia. Sembra che Civate riesca a scappare ma una fiammata nel finale con altre 2 triple di Jaja e Trama ci permettono di andare all’intervallo sul -11
Rientriamo con la convinzione che stiamo cambiando il trand del match ed infatti iniziamo molto bene il quarto con due conclusioni di Zigno che colgono impreparati gli ospiti. Anche per i civatesi ora ci sono parecchi errori al tiro e la fiducia passa nelle nostre mani. Un incontenibile Corbi guida la rimonta con 7 punti consecutivi e tripla del sorpasso e la partita cambia faccia. Una difesa più attenta toglie dal gioco il pericolo numero 1 di Civate. Dalla mischia ricompare Clod che nella battaglia punto a punto con gli avversari piazza 7 punti negli ultimi minuti compresa la tripla allo scadere che ci regala il +3 a 10 minuti dalla fine.
L’ultimo quarto è di quelli ad alta tensione. La difesa di Civate sale di tono e il nostro attacco fatica a trovare le giuste spaziature. Non riusciamo più a trovare spazi interni ne a giocare in velocità. Corbi diventa l’oggetto più desiderato dai difensori degli ospiti e riusciamo per diversi minuti solo a procurarci tiri liberi. Poi Castagna ritrova il guizzo vincente per la tripla che rompe gli equilibri. Civate riprende un piccolo vantaggio e la partita diventa frammentata e più giocata sui nervi che su buone soluzioni. Proprio in questo prevale sicuramente la maggior esperienza degli ospiti, che li vede più lucidi nella gestione degli ultimi possessi, cosa che gli permette di conservare il tesoretto dei 5 punti di vantaggio fino alla fine del match.
Ai ragazzi di coach Corbetta però l’amaro in bocca rimane a metà…se siamo questi, nulla ci sarà precluso da qui fino alla fine della stagione.
DISITALY NIBIONNO – CIVATE 69-74
Progressione : 8-23 / 34-45 / 58-55
Tabellini : Erik, Borg, Miguel , Trama 10, Corbi 27, Zigno 5, Jaja 9, Clod 7, Zado 11, Aron ne, Gnecc, Ice Man

CIVATE:

L’Edilcasa fà e disfa.

Sopra di 20 punti dopo 12 minuti di gara la partita sembrava già chiusa.
Il Basket Nibionno però compie una rimonta clamorosa portandosi addirittura avanti di 5 lunghezze a pochi minuti dal termine.
Quando ormai sembra tutto compromesso i #grigiorossi mantengono i nervi saldi e portano a casa il match per 69-74. Ancora una volta strepitosa prova del capitano Daniele Castagna che guida i suoi alla vittoria con 33 punti.

MANDELLO:

MANDELLO – premiata la Tecnoadda Mandello di coach Marco Pozzi, in grado di silenziare l’attacco atomico della Pol. La Torre. L’inizio di gara è tutto per la formazione arancioblu, che evidenzia la difesa. Mandello chiude il primo quarto con un leggero vantaggio (27-20) e riesce ad estenderlo ancora a metà partita (47-36).Nella ripresa i lariani hanno un attimo di sbandamento nel terzo quarto (59-54). Nell’ultima frazione il canestro di Mandello diventa inespugnabile e il divario tra le formazioni si dilata fino a superare i venti punti di scarto (84-62).

Ecco quanto dichiarato da coach Pozzi:

“loro fuori casa segnano oltre ottanta punti di media e noi li abbiamo tenuti a poco più di sessanta. Il lavoro fatto durante la settimana ha pagato.”

TECNOADDA MANDELLO – POL. LA TORRE 84-62
PARZIALI:27-20, 47-36, 59-54, 84-62
MANDELLO: Tavola, Paduano 9, Balatti 8, Radaelli 20, Motta R. 9, Melzi 2, Crippa 5, De Gregorio, Anghileri 11, Pozzi 4, Zucchi, Marrazzo 16. All. Pozzi

PESCATE:

CESANA BRIANZA – Dura  solo un quarto la sfida tra l’Autovittani Pescate e il fanalino di coda ARS Rovagnate. La formazione di coach Luca Lorenzon coglie due punti importanti e si lancia all’inseguimento di Verdello per arrivare al  nono posto, utile per evitare i Play Out. Il primo quarto vede la formazione di casa peccare in difesa, concedendo quasi venti punti agli avversari (28-19). Dalla seconda frazione in poi però l’Autovittani chiude, guadagnando quasi venti punti di margine alla fine del primo tempo (43-25).
Sulla ripresa coach Lorenzon amplia le rotazioni e dà spazio a tutti gli effettivi, ma questo non incide negativamente sul divario tra le due formazioni. L’Autovittani spinge ulteriormente il vantaggio fino al 78-50 del quarantesimo minuto.

“Per noi questi sono due punti d’oro – dichiara coach Lorenzon – adesso abbiamo otto punti di vantaggio su Rovagnate e lo scontro diretto a favore.”

AUTOVITTANI PESCATE – ARS ROVAGNATE 78-50
PARZIALI: 28-19; 43-25; 56-35, 78-50
PESCATE: Butta 8, Monte 10, Radaelli, Mencarelli 5, Doka 7, Rotta 17, Nasatti 11, Galli 4, Brusoni 5, Longhi 6, Ghislanzoni 5, Maver. All. Lorenzon.

VERCURAGO:

VERCURAGO – Terza vittoria consecutiva al PalaNovella per la Medinmove Vercurago. A cedere il passo alla formazione lecchese è stata l’esperta Cologno al Serio, alla fine di una battaglia durata quaranta  minuti.Dopo un primo quarto equilibrato (16-16), i giovani  lasciano troppo spazio agli avversari all’inizio della seconda frazione, chiusa con un ritardo di cinque punti (31-36).
Nella ripresa la difesa della squadra di coach Michele Monti aumenta e in meno di tre minuti la Medinmove avanza (40-39), mantenendo un piccolo vantaggio fino alla sirena finale nonostante i ripetuti tentativi di Cologno di ribaltare il match.
Vercurago vince 65-63 e prosegue verso un posto nella zona Play Off.

“I miei ragazzi hanno vinto una buona gara contro una squadra attrezzata e esperta. A parte il secondo quarto, ho visto la giusta mentalità nel gestire al meglio la ripresa, in un finale incandescente, nonostante i tanti errori ai liberi, cosa insolita nell’ultimo periodo” ha dichiarato coach Monti a fine gara.

MEDINMOVE VERCURAGO – BK COLOGNO AL SERIO 65-63
PARZIALI: 16-16, 31-36, 53-51, 65-63
VERCURAGO: Ratti 18, Colombo 2, Ghirlandi 8, Lomasto 10, Colosimo 5, Comi 3, Allevi 17, Bianchi 2, Marchesi, Todeschini, Molgora, Cianci. All. Monti