Lecco, 25 gennaio. Riceviamo e pubblichiamo la Newsletter del Sindaco di Lecco, Virginio Brivio:

Un patto per la sicurezza cittadina

Mercoledì mattina il Comune di Lecco ha siglato un protocollo per l’attuazione concreta e calibrata sulla città del “decreto sicurezza”. Lasciando da parte gli aspetti, diciamo, ideologici, è necessario e utile cogliere quegli aspetti del provvedimento che hanno come obiettivo il cosiddetto ordine pubblico  e, di seguito, una più serena convivenza tra i cittadini. Quel che mi preme sottolineare è che si è riusciti a coniugare le nuove tecnologie con la formazione, garantendo un’efficace sintesi tra il potere degli strumenti e l’apporto essenziale delle risorse umane.

Credo che ne sia scaturita una più efficiente organizzazione e una armonia sia degli obiettivi che delle modalità, nella consapevolezza che i ruoli non vanno sovrapposti e che solo facendo bene ciascuno il proprio mestiere non solo si allontanano eventuali conflitti di competenze ma si garantisce la capacità di intervenire secondo un programma, senza improvvisazione e non spinti dalla casualità.

Sono certo che non rimarrà un’intesa sulla carta, anche perché nel passato altre forme di collaborazione si sono rivelate collaudate e utili: lavoriamo insieme su un terreno già dissodato ed ora siamo confortati da una legge che, al di là di ferite aperte sul versante dell’immigrazione, offre su altri interventi un quadro realistico e fattibile.

Mi permetto di aggiungere anche che un’applicazione rigorosa e non rigida del decreto, declinata sulla peculiarità di ogni realtà urbana, concorra anche ad ammorbidire l’impatto con l’immigrazione ed a stemperare stati d’animo che, talvolta, si accendono su pretesti e su piccoli accadimenti che si possono evitare od almeno arginare.

E’ con questa spinta che il Comune di Lecco ha aderito a questo progetto esecutivo, tenendo ben ferme le convinzioni che agli amministratori tocca il compito primario: quello di garantire a ciascun cittadino condizioni di vita e condizioni sociali degne della tradizione e dei valori che Lecco ha sempre incarnato.

Il “patto per la sicurezza” tra la Prefettura di Lecco, Regione Lombardia, la Provincia di Lecco, il Comune di Lecco e i comuni di Calolziocorte, Casatenovo, Mandello del Lario, Merate e Valmadrera, incrementa la promozione di azioni coordinate volte a garantire le migliori condizioni di sicurezza e vivibilità nei nostri territori, anche in raccordo con i territori limitrofi, utilizzando ancor di più i piani di controllo coordinato del territorio esistenti, sviluppando politiche di prossimità e buone pratiche di collaborazione, implementando gli strumenti necessari. Ci muoveremo sui fronti della prevenzione e del contrasto alle infiltrazioni della criminalità organizzata nei settori degli appalti pubblici, dei contratti e delle forniture, delle concessioni, autorizzazioni e subentri negli esercizi pubblici e commerciali, nonché nell’attività edile, dei sistemi di videosorveglianza e tracciabilità; soprattutto, quello del monitoraggio e del recupero delle aree di maggior degrado urbano, quello dell’ascolto e del confronto con i diversi interlocutori della nostra società, quello della prevenzione della devianza giovanile (anche attraverso iniziative per l’educazione alla legalità nelle scuole), quello della promozione di iniziative finalizzate all’incremento della cultura della prevenzione e quello dell’attivazione di progettualità finalizzate alla rapida rilevazione di incidenti stradali.

Ridurre le emissioni? Proviamoci insieme!

Martedì 22 gennaio si è svolto l’incontro con un grande esperto di clima, il meteorologo Luca Mercalli, durante il quale sono emersi alcuni semplici suggerimenti per provare, tutti insieme, a lottare contro l’inquinamento e i conseguenti cambiamenti climatici, per consegnare ai nostri figli un futuro migliore!

Con la sottoscrizione del PAESC, il Patto dei Sindaci per il clima e l’energia, anche Lecco dal 2016 si impegna a ridurre le emissioni e i consumi per difendere e salvaguardare l’ambiente. Ed è un impegno, quello dell’ente pubblico, che si pone l’obiettivo di ridurre le emissioni di CO2 a livello locale almeno del  40% entro il 2030 attraverso azioni e misure per prevenire i rischi derivanti dai cambiamenti climatici. Ma come possiamo raggiungere questo obiettivo? Solo attraverso una sinergia tra settore pubblico e privato, coinvolgendo le imprese, il mondo dell’associazionismo e tutti i cittadini. Tutti noi nel nostro piccolo, infatti, possiamo contribuire alla salvaguardia dell’ambiente, ma anche risparmiare sulle spese per l’energia attraverso semplici accorgimenti quotidiani, eccone qualche esempio:

  • abbassare il riscaldamento di 1 grado e programmare il termostato per risparmiare sulla bolletta;
  • installare finestre con i doppi vetri per ridurre la dispersione termica;
  • acquistare elettrodomestici a basso consumo;
  • spegnere le luci e tutti i dispositivi elettronici utilizzando la funzione ON-OFF;
  • staccare il caricatore del cellulare dalla presa quando non utilizzato;
  • spegnere il computer di notte e nei weekend;
  • posizionare il frigorifero o il congelatore lontano dalla caldaia e spolverare il frigorifero per evitare la polvere sulle bobine che fa aumentare il consumo di energia elettrica;
  • fare controllare la caldaia una volta all’anno per assicurarsi che non consumi troppa energia e funzioni correttamente;
  • piantare un albero (un albero di medie dimensioni assorbe ogni anno circa 6 kg di CO2).

Non solo, anche l’acqua è un bene prezioso ed è quindi opportuno usarla in modo responsabile evitando gli sprechi, ecco alcuni accorgimenti che, se applicati da tutti, possono fare la differenza:

  • chiudere il rubinetto mentre mi lavo i denti;
  • azionare la lavatrice e la lavastoviglie a pieno carico;
  • lavare di norma a bassa temperatura;
  • evitare il prelavaggio e l’utilizzo dell’asciugatrice;
  • assicurarsi che i servizi igienici non abbiano perdite;
  • privilegiare la doccia al bagno in vasca, riempire le bottiglie (preferibilmente di vetro) alle casette dell’acqua o bere l’acqua del rubinetto;
  • lavare la frutta e la verdura in una scodella invece che sotto l’acqua corrente e annaffiare le piante con l’acqua restante.

Alcuni suggerimenti preziosi sul fronte della mobilità:

  • partecipare alle iniziative promosse dal Comune per la mobilità sostenibile (Piedibus);
  • camminare, usare la bicicletta;
  • condividere gli spostamenti in auto;
  • evitare di usare l’auto per tragitti brevi e parcheggiare lontano dal centro per ridurre le emissioni e decongestionare il traffico;
  • utilizzare i mezzi pubblici e preferire gli acquisti a km 0 e di prodotti di stagione.

Per quanto riguarda i rifiuti:

  • Fare la raccolta differenziata di vetro, carta, plastica e lattine o barattoli, e di tutte le frazioni che sono previste dal Comune di appartenenza e secondo le regole dettate dallo stesso e dal Gestore e conferire correttamente i rifiuti;
  • Differenziare i rifiuti anche in vacanza. Rispettare l’ambiente deve essere un principio di buon comportamento;
  • Se ho un giardino o un orto, raccogliere i rifiuti organici per produrre compost;
  • Evitare la plastica monouso (posate, cannucce, stoviglie e bottigliette e sostituirle con tazze, bottiglie di vetro o borracce in alluminio);
  • Stampare solo se è davvero necessario;
  • Portare una borsa in tela per la spesa invece di chiedere ogni volta un sacchetto di plastica o di carta al supermercato;
  • Scegliere i prodotti con imballaggi ridotti e comprare le ricariche;
  • Preferire tessuti naturali a quelli sintetici. L’acqua di lavaggio contiene microplastiche che finiscono nei fiumi e in mare;
  • Evitare gli sprechi, comprare solo ciò che serve e riusare di più.

https://www.leccofm.it/2019/01/23/rischio-bancarotta-ambientale-in-questi-termini-si-e-espresso-mercalli-ieri-a-lecco/

Il ruolo dei Comuni e dei Sindaci nella società politica

L’incontro organizzato dal network di giornali locali, nato proprio nel nostro territorio, ha offerto un’importante occasione di confronto e dibattito su temi quotidiani, collegati soprattutto con il ruolo dei Comuni nel quadro politico e sociale attuale. Uno stare in prima linea, quello dei Municipi, su tutti i fronti. Capita infatti che proprio ai Sindaci, punti di riferimento a 360° anche in ambiti nei quali le amministrazioni comunali non hanno una stretta competenza, i cittadini chiedano spiegazioni, aiuti e interventi, non sempre possibili (specie se gli stessi sindaci si ritrovano soli ad affrontare le questioni). Ed è qui che intervengono le entità sovraordinate come ANCI, e UPL per le province, che fungono da raccordo e da anello di congiunzione tra i sindaci e il governo e dunque, in ultima analisi, rappresentano la via da percorrere per portare all’attenzione di chi gestisce la cosa pubblica a livello centrale le difficoltà della comunità locale.

Altro importante tema, del quale si è parlato venerdì scorso a Merate, è quello della passione per la politica, che sembra sempre più distante dai giovani, giovani tuttavia attivi e partecipi, che intendono e praticano un protagonismo civile differente, importante e convinto. Dobbiamo essere capaci di riappassionarli, perché le loro energie positive, i loro punti di vista e le loro capacità possano dare frutti anche in quello che rimane l’ambito principe del volontariato civile, la politica locale.

Le iniziative della Memoria diventano un percorso

In occasione del Giorno della Memoria, la giornata istituita per ricordare le vittime dell’Olocausto e delle leggi razziali e che viene celebrata ogni anno il 27 gennaio, il Comune di Lecco organizza una serie di appuntamenti dedicati proprio alla memoria, in collaborazione con la Provincia di Lecco e la Camera di Commercio di Lecco.

Domenica alle 9 ad Acquate, in via Resegone, verranno posate le due “Pietre d’Inciampo” in ricordo di Lino Ciceri e Pietro Ciceri; mentre a seguire, nell’Aula Magna del Liceo Manzoni, si terrà un momento di approfondimento sul tema della memoria e sul messaggio veicolato dal progetto delle “Pietre d’Inciampo” a cura dell’artista Gunter Demnig.

In serata, alle 21 in Sala Don Ticozzi, la memoria dell’Olocausto passerà attraverso la narrazione di tre differenti situazioni di conflitto e persecuzione a cura di Federico Bario, accompagnata da musiche ebraiche e yiddish, grazie alla chitarra di Maurizio Aliffi e al clarinetto basso di Simona Mauri.

Il ricordo della Shoah proseguirà poi fino ad aprile in un percorso nato per “ricordare” e approfondire questa triste pagina della nostra storia e per trasmettere alle giovani generazioni quella sensibilità verso la vita e verso un passato, che è necessario conoscere.

Venerdì 8 febbraio alle 17.30 all’auditorium del Civico Istituto Musicale Giuseppe Zelioli si terrà Leggere in Ebraico e a seguire un concerto intitolato Dio delle ceneri. Le voci dei sommersi di Federico Bario, liberamente tratto dalla sceneggiatura di Shoah di Claude Lanzmann. Martedì 12 marzo alle 9.30 nella sede di Lecco del Politecnico di Milano si terrà il convegno-dibattito sul progetto MEFORPEACE-MEFOREUROPE, la nostra azione nella costruzione dell’Europa Unita: la speranza di un nuovo spirito europeo, dove verrà inoltre presentata la mappa della Memoria del Lario. Dal 28 marzo all’1 aprile troverà spazio il progetto promosso dalle organizzazioni sindacaliUn treno per Auschwitz 2019, l’iniziativa che prevede la visita ai campi di concentramento di Auschwitz e Birkenau con percorsi di preparazione e formazione, dedicati a diciassette studenti del Liceo Grassi e sette dell‘Istituto Badoni che aderiranno al progetto e che al termine realizzeranno e presenteranno un video autoprodotto. Infine venerdì 5 aprile alle 21 all’Auditorium Casa dell’Economia si terrà un concerto per violino (Alessio Bidoli) e pianoforte (Bruno Canino) intitolatoAnima Italiana.

L’Ottocento Lombardo concorre al Premio ITALIVE 2019

Si è conclusa domenica scorsa, 20 gennaio, l’esposizione dedicata all’Ottocento Lombardo, promossa da ViDi e ospitata nelle sale di Palazzo delle Paure, che ha registrato quasi 4500 accessi e si è guadagnata un posto anche sul portale ITALIVE.it che l’ha ammessa alle votazioni che assegneranno il Premio ITALIVE 2019.

Oltre 10 mila visitatori alle due grandi mostre che hanno inaugurato il primo anno della collaborazione attivata con la società ViDi, dimostrano la bontà del progetto che ha portato a Lecco nel prestigioso spazio del Palazzo delle Paure esposizioni di grande richiamo internazionale. Senza dubbio la strada da percorrere è ancora lunga e sin dalla prossima mostra, dedicata alla fotografa statunitense Berenice Abbott, lavoreremo anche affinché queste esposizioni diventino sempre più di interesse per le scuole e per i cittadini che ancora non si sono avvicinati a questa proposta.

ITALIVE.it, patrocinato dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, è un programma di promozione turistica e culturale che informa automobilisti, viaggiatori e turisti su quello che accade nel territorio che attraversano proponendo un calendario aggiornato dei migliori eventi organizzati, a cui ogni anno il portale dedica il Premio ITALIVE, giunto ormai alla sua sesta edizione.

Se avete visitato la mostra, qui potete votarla e sostenere la cultura e i musei di Lecco!

https://www.leccofm.it/2019/01/24/oltre-4000-accessi-alla-seconda-grande-mostra-allestita-in-citta/

Da domani in municipio “La vita per l’opera di un Altro”

Da domani 26 gennaio a sabato 2 febbraio al primo piano del palazzo comunale di piazza Diaz 1 a Lecco sarà ospitata la mostra a ingresso libero “La vita per l’opera di un Altro” proposta da AVSI Point Lecco, con il supporto di AVSI internazionale, organizzazione non profit che realizza progetti di cooperazione allo sviluppo e aiuti umanitari in 31 Paesi del mondo.

La mostra, presentata per la prima volta in occasione del Meeting per l’amicizia fra i popoli di Rimini, nel 2016, illustra la storia e l’opera caritatevole delle Suore di Carità dell’Assunzione, nate dall’incontro di padre Etienne Pernet con don Luigi Giussani, di cui fa parte anche suor Pinuccia Gianola, lecchese di Malavedo, sorella del compianto padre Augusto Gianola del PIME, al quale, nel 2015, era stata dedicata un’esposizione ospitata proprio nel palazzo municipale.

La missione delle cosiddette “Suorine”, attive a livello sociale ed educativo nei quartieri più popolari di Milano, Roma, Napoli, Torino, Trieste e Madrid, è caratterizzata dall’assistenza domiciliare, l’intervento in casa, la cura infermieristica, l’accoglienza diurna dei minori, l’impegno educativo nel rapporto scuola-famiglia e la collaborazione con l’ente locale e i servizi sociali.

L’esposizione, composta da una quarantina di pannelli corredati da supporti audiovisivi recanti videointerviste e visitabile dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 17.30 e il sabato dalle 9 alle 12, sarà inaugurata sabato 26 gennaio alle 10, con una visita guidata, alla quale seguirà, alle 11, una presentazione pubblica presso Palazzo del Commercio, in piazza Garibaldi, con l’intervento di un rappresentante di Fondazione AVSI e di una suorina.

L’iniziativa nel suo complesso, che prevede per sabato 2 febbraio anche una cena di solidarietà presso il “salottone” di via Don Invernizzi 4, è promossa nell’ambito della Campagna Tende 2018/2019 di Fondazione AVSI e intende sostenere i progetti di cooperazione internazionale di AVSI in Sira, Venezuela/Brasile, Burundi/Kenya e l’azione delle Suore di Carità dell’Assunzione tra le famiglie della periferia urbana delle grandi città.

Vi aspetto!

Verso il PEBA: partiti i sopralluoghi degli studenti del Bovara

Nuova cruciale fase del progetto sottoscritto tra Comune di Lecco e associazione PEBA Onlus, in stretta sinergia con il Polo di Lecco del Politecnico di Milano e con l’istituto di istruzione superiore Giuseppe Bovara di Lecco, che si pone come obiettivo finale la stesura del Piano di Eliminazione delle Barriere Architettoniche.

Dopo un primo momento fatto di lezioni teoriche tenute agli studenti delle due classi quinte dell’IIS Bovara coinvolte nel progetto, sono partiti alla fine del mese di novembre i sopralluoghi nel rione di Castello. Il monitoraggio sta consentendo ai ragazzi di registrare le situazioni di criticità presenti; un lavoro importante, propedeutico alla vera e propria stesura del piano.

Nel corso della mattinata si è conclusa la rilevazione delle condizioni di accessibilità del rione con la verifica della scuola primaria Carducci e dello stadio comunale Rigamonti Ceppi.

Diamo un’anima alle imprese: la presentazione del progetto

Mercoledì 30 gennaio l’Auditorium Casa dell’Economia della Camera di Commercio di Lecco ospiterà l’incontro pubblico, a cui parteciperò, promosso dalla Scuola di Economia Civile – SEC “Diamo un anima alle imprese!”. Dalle 17 del pomeriggio, dopo l’introduzione dell’imprenditore Angelo Cortesi, i saluti del presidente della Camera di Commercio di Lecco Daniele Riva e il mio intervento, ci sarà spazio per un dibattito partecipato sui temi dell’impresa e della responsabilità d’impresa con il Professore di Economia Politica all’Università di Bologna Stefano Zamagni, Lorenzo Semplici e Dalila Della Rosa ricercatori all’Università Lumsa di Roma. Infine, la presidente di SEC Silvia Vacca presenterà il progetto.

Diamo un’anima alle imprese!

Gli appuntamenti del fine settimana e oltre

Domenica 27 gennaio alle 9, in occasione della Giornata della Memoria, lungo la scalinata della Madonna di Lourdes in via Resegone ad Acquate, saranno posate due pietre commemorative, realizzate dall’artista tedesco Gunter Demnig, per ricordare il sacrificio di Lino Ciceri e del padre Pietro Ciceri, eroi della Resistenza lecchese. Seguirà la conferenza dell’artista nell’aula magna del Liceo Manzoni.
Invito tutti i giovani e gli studenti di Lecco a partecipare a questo appuntamento con la storia, un’iniziativa per conoscere e comprendere il valore del ricordo e della memoria.
Alle 21 in Sala Don Ticozzi Raccontare la memoria: narrazione di tre differenti situazioni di conflitto e persecuzione, accompagnate da musiche ebraiche e yiddish con Federico Bario, voce narrante, Maurizio Aliffi alla chitarra e Simone Mauri al clarinetto basso.

Sempre Domenica 27 gennaio, dalle 8 alle 18 in piazza XX Settembre, potrete trovare il Mercato Agricolo di Campagna Amica, per un rapporto diretto tra agricoltori e consumatori.

Mostre:

  • Santi della porta accanto da sabato 26 nella hall dell’Ospedale Manzoni: alle 16 nella cappella dell’ospedale è in programma la Santa Messa presieduta da Mons. Maurizio Rolla, vicario episcopale di Lecco, a cui seguirà l’inaugurazione con un breve intervento dell’ideatore e curatore della mostra e il decano padre Luigi Boccardi. (mostra visitabile fino al 9 febbraio).
  • La vita per l’opera di un Altro al primo piano del palazzo comunale in piazza Diaz, 1 (dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 17.30 e il sabato dalle 9 alle 12, fino al 2 febbraio).

Al Planetario di Lecco:

  • Venerdì 25 alle 21 conferenza “Astrobufale: perché le balle spaziali non finiscono mai” a cura di Luca Perri, astrofisico e divulgatore scientifico.
  • Domenica 27 alle 16 proiezione in cupola “Da Sirio a Capella, uno sfolgorare di stelle”.

 

QUI l’analisi del 2018 del Sindaco di Lecco ai microfoni di Lecco FM nel programma condotto e diretto da Mario Servillo, “Lecco ne parla”.