Attualità

LA FIRMA DEL ‘PATTO PER LA SICUREZZA’: REGIONE E TERRITORI UNITI PER LA SICUREZZA

Lecco, 23 gennaio. COSA PREVEDE IL PATTO

Il Patto prevede il miglioramento del controllo del territorio, la prevenzione e contrasto delle infiltrazioni della criminalità organizzata nei settori degli appalti pubblici, dei contratti e delle forniture, delle concessioni e delle autorizzazioni, dei subentri negli esercizi pubblici e commerciali e nell’attività edile in generale; l’aggiornamento tecnico e l’incremento dei sistemi di video-sorveglianza; l’attivazione di percorsi di ascolto e confronto; la prevenzione della devianza giovanile, anche attraverso iniziative di educazione alla legalità nelle scuole; la promozione di iniziative finalizzate all’incremento della cultura della prevenzione della sicurezza presso le abitazioni private anche attraverso un contatto diretto e personalizzato tra Forze dell’Ordine e cittadini; l’attivazione di progettualità finalizzate al miglioramento della conoscenza dell’incidentalità stradale e della rapidità di rilevazione degli incidenti stradali ed infine la promozione dell’attività di formazione e aggiornamento professionale, riservata ai Corpi di Polizia Locale.

QUI -> il nostro servizio in esclusiva dalla firma del “Patto di Sicurezza”:

LE PAROLE DEL PREFETTO

Il patto è stato sottoscritto tra Regione, Provincia, Prefettura di Lecco e dai comuni di Lecco, Calolziocorte, Casatenovo, Mandello del Lario, Valmadrera e Merate.

Il Prefetto Liliana Baccari: “Rispetto all’anno scorso c’è una contrazione del quasi 5% dei reati ‘comuni’ e prosegue una contrazione che dal 2016 porta ad una decrescita di una percentuale che va dal 3 al 6%. Inoltre, grazie alle videocamere sia sulle strade che nei territori della provincia, stanno ampliando la rete di controllo e prevenzione di crimini stradali”.

“Il dialogo tra le forze dell’ordine territoriali e nazionali, come la D.I.A., ha portato ad estendere – continua il Prefetto – il numero delle aziende che sul territorio lecchese, spontaneamente si sottopongono ai controlli e ottengono il marchio di ‘aziende pulite e non a rischio’. Tutte queste iniziative promosse dal patto e sottoscritte dagli enti locali, provinciali e regionali per una rete di sicurezza non fanno che implementare un modello di collaborazione che ‘funziona’”.

IMPEGNI DI REGIONE LOMBARDIA SU SICUREZZA E VIDEO-SORVEGLIANZA
La Regione, d’intesa con la Prefettura, la Provincia, i sindaci e i rappresentanti delle categorie sociali, produttive e
commerciali, partecipa ad attività coordinate sulla sicurezza urbana. Inoltre, in concorso con gli enti locali, contribuisce
alla realizzazione di progetti finalizzati a garantire la sicurezza urbana attraverso anche la realizzazione e l’implementazione di sistemi di video-sorveglianza.

UNA CABINA DI REGIA PER L’ATTUAZIONE DEL PATTO

La ‘Cabina di regia’ si riunisce con cadenza periodica e sarà coordinata da un rappresentante del prefetto e composto da delegati del presidente della Regione Lombardia, del presidente della Provincia, dei sindaci sottoscrittori e delle Forze dell’Ordine.

DURATA PATTO

Il Patto ha la durata di quattro anni ed è rinnovabile. La ‘Cabina di regia’, con cadenza trimestrale, provvede alla verifica delle iniziative promosse, degli impegni assunti e dei risultati raggiunti al fine di garantire incisività e tempestività agli interventi.

DE CORATO: CON PATTO ESTESI CONTROLLI ANCHE FUORI STAZIONI

“Il Patto – ha dichiarato l’assessore regionale alla Sicurezza Riccardo De Corato – renderà possibile in parte ciò di cui
abbiamo discusso proprio qui in Prefettura a Lecco lo scorso 15 maggio scorso, nel corso di una riunione sul tema della
sicurezza nelle stazioni e nei treni. Sarà infatti possibile estendere i controlli anche nei pressi delle stazioni. Questo in
attesa di un ulteriore accordo dedicato espressamente alla sicurezza negli scali ferroviari e a bordo dei treni, con il
quale si potrà avviare una sperimentazione a partire da quelle stazioni e tratte che evidenziano profili di maggiore
criticità”.

PATTO SICUREZZA LECCO DA REPLICARE IN TUTTE LE PROVINCE LOMBARDE

“Come Regione Lombardia – ha concluso De Corato – finanzieremo altri interventi su queste materie. Il mio auspicio è che questo Patto possa essere replicato anche con altri capoluoghi di provincia, a cominciare da Milano”.

WhatsApp +39 3662141376

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni per i cookie di terze parti leggi l'informativa completa. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi