Sport

LA GIMAR CROLLA NELL’ULTIMO QUARTO E REGGIO EMILIA SBANCA IL BIONE (66-74)

                                                                         

Terza sconfitta consecutiva per i ragazzi di coach Paternoster (la seconda in casa): al Bione Reggio Emilia passa 66-74 dopo aver rincorso per più di tre quarti di partita. Decisivo ai fini del risultato finale l’ultimo quarto (12-26), quando i blucelesti hanno subito la rimonta ospite bloccandosi in attacco e concedendo troppo agli avversari. In doppia cifra Rattalino (16+11) e Caceres (12).

L’avvio è promettente: una tripla di Teghini e un gioco da tre punti di Cacace fanno subito 6-0, mentre Reggio fatica a trovare il canestro. Solo dopo 4′ arrivano i primi punti dal campo e portano la firma di Marchetti. Canelo accorcia sull’8-6, ma è sempre la Gimar a tenere il pallino del gioco. Rattalino e Caceres arrotondano sul 18-10 a fine primo periodo. Ancora Rattalino e Molteni (gioco da tre) allungano sul +11 dopo 3′ del secondo quarto (24-11). A metà frazione Reggio torna sotto la doppia cifra di svantaggio grazie a un canestro di Canelo, ma Lecco risale con la presenza di Rattalino nel pitturato (34-20 al 7′). Marinello fa addirittura +16 a 1’30” dall’intervallo, mentre Zampogna e Gatto accorciano sul 37-26 al 20′.

Nei primi 3′ del terzo quarto Reggio Emilia prova a riaprire la gara con un parziale di 7-0 firmato da Marchetti e Gatto, ma Marinello, Caceres e Di Prampero riallungano subito (44-33 a metà frazione). Reggio però non molla e comincia a colpire dall’arco con Crusca (due volte) e Gatto e torna a -4. I ragazzi rispondono con un bel parziale di 8-0 (6 punti di Caceres) e vanno sul 54-42, prima di un’altra tripla di Crusca e di un 2/2 dello stessa guardia: 54-48 al 30′. Nell’ultimo periodo gli emiliano ribaltano il match. I 7 punti consecutivi dell’ottimo Zampogna (classe 2000) spaventano il Bione sul 56-55, mentre Gatto sorpassa dalla lunetta al 3′. Crusca e Bertocco fanno +5 a metà periodo, 4 punti di Rattalino riportano Lecco a contatto (61-62) e Teghini dall’arco ci riporta di nuovo sopra nel punteggio. Bertocco, però, ripaga subito con la stessa moneta e a 1′ dalla fine non trema dalla lunetta: 64-68. Gli arbitri fischiano infrazione di 5 secondi dalla rimessa a Teghini e sul successivo possesso Marinello si becca un antisportivo che di fatto chiude la gara. I liberi fissano il punteggio finale sul 66-74.

(Foto gentilmente concessa dalla società)

WhatsApp +39 3662141376

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni per i cookie di terze parti leggi l'informativa completa. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi