Attualità

pessima qualità dell'aria

VIAGGIO ALL’INTERNO DELLA QUALITÀ DELL’ARIA

Lecco, 27 dicembre. Il comune di Lecco, domenica 23 dicembre, ha tolto le misure di limitazione ai veicoli inquinanti, poiché le concentrazioni di polveri sottili riscontrate sono scese riportando l’aria di Lecco e provincia a livelli concentrazione di PM10 ‘buona’ per i parametri dell’ARPA, ovvero l’agenzia regionale per la protezione ambientale.

Sulla pagina di attivazione e disattivazione delle misure di limitazione temporanee del sito di Regione Lombardia, è possibile consultare quotidianamente i livelli medi di PM10 per provincia e sapere in qualsiasi momento se stanno per essere attivate o sono attive oppure non attive le misure temporanee. Sullo stesso sito sono inoltre reperibili: l’elenco dei Comuni coinvolti, la mappa dei Comuni e i provvedimenti regionali.

Il PM10 cos’è, e in cosa di differenzia dal PM2,5? PM10 è un acronimo che significa Particulate Matter ≤ 10 µm, ovvero materiale particolato con dimensione inferiore o uguale a 10 micrometri; con la stessa origine ma dimensione ancora inferiore, viene considerato un potente inquinante anche il PM2,5. Si tratta in entrambi i casi di materiale allo stato solido o liquido, disperso finemente nella bassa atmosfera e particolarmente stanziale in condizioni meteorologiche simili a quelle attuali.

La IARC (International Agency for Research on Cancer) ha posto tutte le sostanze costituenti gli inquinanti atmosferici nel Gruppo 1 della sua classificazione insieme ai peggiori agenti carcinogeni in circolazione. Il particolato fine, in particolare, è pericoloso perché si insidia nell’organismo umano a livello del sistema respiratorio: minore è la dimensione del particolato e maggiore è la penetrazione all’interno del sistema, arrivando fino ai bronchi e agli alveoli nel caso del particolato più fine, inferiore quindi ai 2,5 µm. L’impatto sulla salute umana si manifesta con una maggiore incidenza dei tumori, specie quelli polmonari ma anche al colon e all’intestino, con marcate differenze in base alle abitudini pregresse dei soggetti osservati e alla loro professione, nonché alla prossimità alle zone dove la concentrazione di PM è maggiore.

A Lecco, dopo un picco di concentrazione del particolato tra il 19 e il 21, che aveva fatto scattare le norme che prevedono la limitazione alla circolazione dei mezzi maggiormente inquinanti, la situazione è tornata nella norma con un’aria discretamente buona, soprattutto se raffrontata ai livelli critici di Varese, Milano, Monza e Brianza e Cremona.

WhatsApp +39 3662141376

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni per i cookie di terze parti leggi l'informativa completa. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi