Nella giornata di sabato 22 dicembre 2018, il circolo della scherma di Lecco si è presentato al pubblico, nell’aula magna della scuola media don Ticozzi di Lecco. Evento realizzato principalmente per gli alunni, che hanno potuto vedere con il loro occhi l’impegno e la passione che si nascondono dietro gli ottimi risultati degli schermidori.

Saluto iniziale e parole di ringraziamento da parte del maestro Mirko Buenza e di tutti gli atleti intervenuti, che oltre a raccontare qualcosa delle proprie esperienze, hanno poi gareggiato, tirando di scherma, davanti agli occhi curiosi dei giovani preadolescenti.

Prima di tutto, però, un po’ di teoria, con il maestro che ha spiegato la disciplina della scherma nelle sue componenti e specialità (spada, fioretto e sciabola) con un linguaggio molto semplice e adatto al pubblico presente e con esempi concreti, capaci di catturare l’attenzione degli studenti e dei numerosi adulti presenti.

Mirko Buenza

Spazio poi agli atleti, che si sono sfidati in una bella dimostrazione di scherma, senza dimenticare il messaggio educativo che lo sport può trasmettere. Riccardo Carmina, più volte campione di scherma, prima di mostrare le sue abilità come schermidore ha voluto infatti regalare ai ragazzi un messaggio importante per la loro crescita personale: “ricordatevi di avere dei sogni e delle passioni, che sono le cose che mi hanno sempre guidato; con impegno e determinazione, si può fare tutto”.

Paolo Mauri e Riccardo Carmina

Presentazione poi anche delle atlete paraoimpiche del Circolo della Scherma di Lecco, che hanno duellato a colpo di spada, spiegando le differenti regole e le caratteristiche delle loro gare. Esempio per tutti, hanno mostrato le loro abilità in un clima di festa, sereno e gioioso, trasmettendo tutta la passione che mettono in questa disciplina. Passione e impegno ripagati dagli ottimi risultati ottenuti a livello italiano e non solo, ed esempio di forza e determinazione per tutti.

Al termine, momento di festa organizzato dai genitori degli alunni, con scambio di auguri e delizioso panettone. Al circolo della Scherma di Lecco, l’augurio di poter continuare così nel 2019 e negli anni a venire: un sano esempio di sport per la crescita di giovani (e meno giovani) atleti.