#TECNOADDA MANDELLO

La Tecnoadda Mandello espugna senza troppe difficoltà il campo di Alto Sebino, agganciando La Torre al secondo posto in classifica nel Girone A della Serie D lombarda.

La formazione lecchese deve rinunciare agli acciaccati Diego Tavola e Giacomo Marrazzo, oltre allo squalificato Michele Crippa, ma la squadra orobica è un avversario abbastanza abbordabile, anche se tignoso.
Mandello chiude il primo quarto già con la doppia cifra di vantaggio in tasca (15-25) e non si volta più indietro. I lariani mantengono per i restanti trenta minuti il distacco costantemente oltre la decina di punti di vantaggio, senza mai chiudere del tutto la partita.
Coach Pozzi, visto la gioventù degli avversari, può permettersi di dare minuti a tutti i giocatori in panchina, vincendo comunque col tranquillo punteggio di 61-74.

Prova eccellente per Stefano Radaelli, autore di una gara da trenta punti e più di dieci rimbalzi.

ALTO SEBINO – TECNOADDA MANDELLO 61-74
PARZIALI: 15-25, 34-45, 44-59, 61-74
ALTO SEBINO: Cremaschi G 11, Martinelli 8, Patroni 6, Canobbio, Zeziola, Picen 2, Tosana 3, Villa 15, Sawadogo, Oprandi 6, Cremaschi M 10. All. Polesinati
MANDELLO: Paduano 7, Spreafico, De Gregorio 2, Balatti 3, Marchesi, Radaelli 30, Motta 7, Melzi, Niang 11, Anghileri 4, Pozzi 8, Zucchi 2. All. Pozzi

#BASKET OGGIONO

Boça Basket 79 – 65 Basket Oggiono

Arriva una sconfitta da Bergamo venerdì sera. Boccaleone si dimostra squadra arcigna ed esperta, perfettamente a suo agio sul campo di casa; Oggiono capitola, ma non senza lottare.

Ritmo alto fin da subito, soprattutto in attacco, il primo quarto si chiude 23-17, i bargamaschi piazzano fin da subito una zona che intasa l’area, gli #sharks rispondono mantenendo il contatto con buoni tiri dalla distanza.
Nel secondo quarto sono però i padroni di casa a prendere le distanze, la difesa di Oggiono perde qualche colpo e si arrende con troppa facilità ai blocchi d’esperienza degli avversari: il passivo all’intervallo aumenta a -16 punti.

Al rientro buon terzo quarto di Oggiono, il migliore della gara: con un parziale di 14 a 20 si riporta a -10 e arriva fino ad un minimo svantaggio di -7 con possesso ad inizio ultimo quarto. La buona ripresa non basta però a riagguantare la gara.

Una sconfitta che non deve interrompere quanto di buono fatto domenica scorsa nella vittoria casalinga con Palaval, e che deve dare consapevolezza per affrontare al meglio la prossima sfida, domenica alle 18:00, in casa contro Chiavenna!

#basketoggiono
#gosharks

#CIVITZ BASKET

È arrivata la prima #sconfitta per il #civitz ad opera di un’ottima SBT Scuola Basket Treviglio al termine di una partita combattutissima.

A 1’ e 13” dal termine Daniele Valse Valsecchi segna il canestro del pari (61-61). Poi si spegne la luce per i #grigiorossi 
Testa già alla prossima sfida!

#BASKET VERCURAGO

Dopo la  brutta sconfitta contro il Treviglio in casa, il Vercurago rialza subito la testa vincendo contro il Verdello. La squadra di coach Monti è concentrata in difesa e pungente in attacco, il primo tempo chiude infatti per 21 a 34. Nella ripresa il distacco scende solo a tre punti fino ad quattro minuti dalla fine del match. Alessandro Allevi e Andrea Ratti rimettono a posto il punteggio guidando la squadra alla vittoria. Coach Monti a fine partita dichiara una grande prestazione da parte dei suoi ragazzi, che hanno messo le corde all’esperta Verdello; ora bisogna continuare il lavoro migliorando mentalità e gioco cercando di allargare le rotazioni e le soluzioni di squadra. IN ESCLUSIVA PER NOI IL MISTER AGGIUNGE di essere soddisfatto del campionato fino ad ora, soprattutto della giovane età dei giocatori, tutti under ‘98,99’,2000.

Ecco i tabellini:Tabellino AdB Vercurago Ratti 17, Perillo 4, Ghirlandi 10, Marchesi 2, Lomasto 9, Colosimo 2, Todeschini 2, Allevi 11, Bianchi 3, Molgora, Comi, Cianci.

#BASKETNIBIONNO

SONDRIO 71 DISITALY NIBIONNO 58

Non è una brutta partita quella andata in scena in quel di Sondrio, ma quando l’avversario è superiore bisogna avere l’onestà di riconoscerlo. Altrettanto onestamente bisogna riconoscere che qualcosa in più avremmo potuto fare. Ad aprire le danze è una tripla dei valtellinesi a cui risponde al pari Jaja ma i padroni di casa dispongono di buone alternative anche dentro l’area dove fanno valere peso e centimetri in abbondanza, rimaniamo comunque attaccati alla partita con Zado, Teo e ancora Jaja da oltre l’arco. (16 a 10)Mentre i padroni di casa sfruttano peso e talento noi cerchiamo di difendere forte sulla palla e di correre in contropiede per confezionare un parziale di 20 a 20 che ci porta all’intervallo sotto di 6 lunghezze (36 a 30). Rientriamo in campo belli carichi ed in 1 minuto confezioniamo un 5 a 0 zero per ricucire lo strappo ma è un’illusione. Proprio quando ci aspettiamo un minimo calo atletico degli avversari, perdiamo il filo del discorso e assieme a questo diverse palle sanguinose che gli esperti sondriesi non perdono l’occasione di trasformare in canestri per scavare ancora un solco di 18 punti per l’ultima frazione. Proviamo a scompaginare le carte cambiando difesa e qualche risultato si vede mandando a canestro Borg, Trama e Jaja riuscendo a riportare lo svantaggio sotto la doppia cifra ma gli avversari non si scompongono più di tanto e gestiscono il finale con tranquillità fino alla sirena che dice 71 a 58. Non era certo questa la nostra partita ma qualcosa di meglio si poteva e si doveva fare soprattutto in difesa dove abbiamo smarrito la nostra caratteristica aggressività.Mark, Teo 2, Erik, Borg 15, Trama 9, Pollo 2, Faso, Jaja 17, Clod 3, Zado 6, Simo, Ice Man 4.