Attualità

casa solidarietà

APRE LA ‘CASA DELLA SOLIDARIETÀ DELLA TERZA ETÀ’ DI SAN GIOVANNI

Lecco, 28 novembre. Non conosciamo la data esatta di edificazione del palazzo civico che sorge nell’intersezione tra via Don Luigi Monza e corso Monte Santo, ma l’indicazione “1867” ci rimanda al compimento dell’unità d’Italia, mentre una mappa catastale, datata 1898, ci riporta l’impronta dell’edificio, esattamente come oggi noi lo conosciamo, e ci rivela come la costruzione non abbia conosciuto negli anni ampliamenti o trasformazioni di sorta.

Nasce come Palazzo Civico che raggruppa i due cardini della vita comunitaria: il comune e la scuola, ma questo edificio edificio, questa palazzina, è stato per tutto il novecento, il simbolo dei contraddittori eventi della storia: prima laboratorio del divenire e delle speranze di progresso ed innovazione, poi sede di un regime fascista.
Centinaia di ragazzi, sin dalla fine dell’ottocento hanno frequentato queste aule. Prima la scuola primaria, le elementari, e poi, dopo l’edificazione del nuovo plesso, la scuola materna. Queste mura vivono nella memoria di tutti gli abitanti di San Giovanni, dal momento che intere generazioni hanno qui condiviso l’impegno dell’apprendere.
Negli anni più recenti l’edificio viene dismesso e tra le sua mura non viene più svolta attività didattica, ed è qui che nasce l’idea di un suo impiego in attività di tipo sociale: prende vita il progetto “Casa della Solidarietà e della Terza età”, nel quale le associazioni Auser e Anteas vergono individuate come soggetti per la realizzazione di un polo di servizi integrato per la popolazione anziana nel territorio di Lecco denominato “La terza età per la città ”. A questo scopo il Consiglio comunale nel gennaio 2014 approva la convenzione per la riqualificazione dell’immobile, anche grazie al contributo di Fondazione Cariplo.

La struttura, nata come uso collettivo, con ampi spazi aperti, ben si presta tipologicamente alla nuova destinazione come sede di servizi del volontariato sociale. Si formalizza pertanto una convenzione tra i soggetti interessati e parte il progetto tecnico ed economico che porterà alla realizzazione dell’intervento di riqualificazione.

Conservazione della memoria storica. L’impianto dell’edificio è integralmente conservato, le mura, i decori classicheggianti, l’accesso e la scala storica. Nelle mura sul lato Ovest sono ancora oggi perfettamente riconoscibili i segni dell’incursione aerea della sera del 25 aprile 1945, cicatrici conservate e valorizzate come testimonianza dei vissuti lecchesi e dell’orrore della guerra.

Nel cuore del quartiere di San Giovanni troveranno spazio Auser Lecco, Anteas Lecco e gli uffici comunali del SID (Servizi Integrati Domiciliarità) e giovedì 6 dicembre alle 15, proprio nella giornata intitolata al Santo Patrono della città avverrà l’inaugurazione degli spazi.

“Sono molteplici gli elementi positivi collegati con l’apertura della Casa della Solidarietà e della Terza Età – sottolinea il sindaco di Lecco Virginio Brivio -, primo fra tutti il fatto di aver recuperato un bene prezioso come questo edificio di San Giovanni, e di avergli dato una nuova funzione e dunque vita nuova: un bell’esempio di rigenerazione urbana degli spazi pubblici. Da evidenziare anche come la Casa sia situata in una zona di snodo tra il centro cittadino e i rioni alti della città e proprio qui il progetto condotto con Auser e Anteas, ma anche con il loro contributo economico e con quello di Fondazione Cariplo, ha voluto creare una sede condivisa tra associazioni e Comune, tra operatori volontari e professionisti, generando un valore aggiunto che permetterà anche di dare nuova linfa alla coprogettazione che da anni vede fianco a fianco Comune, Auser e Anteas”.

“È un momento molto importante e significativo per Auser – sottolinea la presidente Auser Provinciale di Lecco Luisa Ongaro -, il percorso di strutturare uno spazio più adeguato a operare, rispondendo ai bisogni, sempre crescenti, della popolazione anziana e dei soggetti più fragili, vede la sua realizzazione. Si vuole offrire anche un nuovo modo di pensare il rapporto con la comunità, in uno spazio aperto e accogliente, dove essere a contatto, sempre più, con le persone. Un modo innovativo di lavorare insieme che, unendo competenze ed esperienze di ciascun soggetto, in un grande ambiente dove associazioni come Auser e Anteas, con le stesse finalità e obiettivi, con i servizi comunali, sperimenteranno una sinergia di intenti e di progettualità. Un traguardo veramente ambizioso, possibile solo con l’aiuto ed il sostegno di tutti quanti hanno creduto in questo progetto”.

“Un obiettivo importante, che abbiamo raggiunto grazie a un attento e complesso lavoro di squadra condotto tra associazioni ed Enti pubblici – commenta la presidente di Anteas Lecco Emilia Spreafico. Ora la nostra associazione avrà non solo una nuova sede, ma potrà anche collaborare con maggior sinergia e condivisione con Auser e Comune di Lecco, per offrire alla nostra città servizi sempre più attenti e qualificati pensati per gli anziani e per le loro famiglie. Il 6 dicembre segna dunque una data importante sia per noi, sia per la nostra comunità, così come voluto da chi, prima di me, ha dato vita a questo sogno per la città di Lecco e che da oggi non è più solo un sogno, ma la sua concreta realizzazione”.

WhatsApp +39 3662141376

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni per i cookie di terze parti leggi l'informativa completa. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi