Arte e cultura

corteo 4 novembre

4 NOVEMBRE A LECCO E PROVINCIA

Lecco, 5 novembre. 4 novembre 1918: termina la Prima guerra mondiale. E, per il centenario, nella giornata di ieri, intitolata alle Forze Armate e al Combattente, all’Unità Nazionale, al Decorato al Valor Militare e all’Orfancorteo 4 novembreo di Guerra, anche Lecco ha ricordato i caduti con diverse celebrazioni e il tradizionale concerto della Vittoria e della Pace.

“Il 4 novembre ricordiamo anche il sacrificio di tanti giovani chiamati alle armi e mai più ritornati alle loro famiglie, vite spezzate e intere popolazioni vittime dell’immane ‘inutile’ autorevolmente definita tragedia della guerra”, con queste parole, il sindaco di Lecco, Virginio Brivio, ha ricordato le varie sfaccettature di questa giornata.

Il Coro alpino lecchese ha celebrato il centenario della fine del primo conflitto mondiale con il concerto della Vittoria e della Pace, al santuario della Madonna della Vittoria, con la partecipazione del coro C.A.I. di Sondrio e il coro C.A.I. Valle Imagna. La mattinata commemorativa è iniziata alle 9.30, con la messa, celebrata da monsignor Davide Milani. Alle 11, invece, il corteo, accompagnato dal Corpo musicale Giuseppe Brivio di Rancio, ha raggiunto il monumento ai caduti, dove si sono celebrati i momenti dell’alzabandiera e della deposizione delle corone d’alloro. È stato questo anche il momento dedicato ai discorsi delle autorità, tra cui anche il neo presidente della provincia di Lecco, Claudio Usuelli.

A Colico, invece, a Forte Montecchio nord, centinaia di cittadini, decine di studenti e diverse associazioni d’Arma, autorità civili e militari, hanno partecipato alla commemorazione che ha chiuso le celebrazioni del centenario della Prima Guerra Mondiale.
Oltre 250 cittadini hanno, infatti, partecipato alla grande commemorazione per il centenario della fine della Grande Guerra, organizzata a Forte Montecchio Nord, dall’amministrazione comunale di Colico, in collaborazione con il Museo della Grande Guerra in Adamello, gestore della fortezza.
Il responsabile del Forte, Stefano Cassinelli, ha commentato così la giornata: “Si sono concluse le celebrazioni per il centenario della fine della Grande Guerra. È stato un anniversario importante che ha risvegliato l’attenzione verso una dolorosa pagina della nostra storia. Ma la memoria non si deve fermare, dobbiamo continuare a ricordare quanto è accaduto cento anni fa perché non si commettano di nuovo gli errori del passato. Un grazie sincero a quanti hanno collaborato alla buona realizzazione di questo appuntamento: dal corpo musicale di Villatico, ai rappresentanti d’Arma ed al gruppo degli Artiglieri d’Italia – sezione di Morbegno».

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni per i cookie di terze parti leggi l'informativa completa. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi