Lecco, 31 ottobre. Il 4 novembre, alle ore 15, tutte le operazioni di guerra cessarono e fu proclamata la fine della Grande Guerra. Armando Diaz emanò un bollettino che celebrava la vittoria su “uno dei più potenti eserciti del mondo”.

Quest’anno, termina la fase quadriennale di celebrazioni del primo conflitto mondiale e, anche Lecco, domenica 4 novembre – Giornata delle Forze armate e del Combattente, dell’Unità nazionale, del Decorato al valor militare e dell’Orfano di guerra –, celebra la fine del conflitto con diversi concerti.
Il Coro alpino lecchese invita la popolazione al concerto della Vittoria e della Pace, al santuario della Madonna della Vittoria, a Lecco, a cui parteciperanno anche il coro C.A.I. di Sondrio e il coro C.A.I. Valle Imagna. La mattinata commemorativa prenderà il via alle 9.30, con la messa, celebrata da monsignor Davide Milani. Alle 11, invece, il corteo, accompagnato dal Corpo musicale Giuseppe Brivio di Rancio, raggiungerà il monumento ai caduti, dove si terranno l’alzabandiera, la deposizione di corone d’alloro e i discorsi di autorità e associazioni.

Le celebrazioni saranno anticipate, il giorno precedente, dal XXI Concerto della Vittoria e della pace con il Coro Alpino Lecchese, il Coro Fior di Monte di Zogno e il Coro Delphum di Dervio, in programma, alle 21, di sabato 3 novembre, al Santuario di Nostra Signora della Vittoria.
L’evento sarà coordinato da Filippo Di Lelio, con la collaborazione del rettore del santuario, monsignor Angelo Brizzolari; mentre il commento storico spetterà ad Aloisio Bonfanti.