Arte e cultura

libri di testo consigli

LIBRI DI TESTO. QUALCHE CONSIGLIO PER L’INIZIO DELLA SCUOLA

Confcommercio Lecco ricorda l’importanza delle cartolibrerie

Lecco, 29 agosto. Il 12 settembre segna la data fatidica di inizio scuola nel territorio lecchese e, con l’avvicinarsi della riapertura degli istituti, si torna a parlare di spese per l’acquisto di libri e materiale. Per questo, Confcommercio Lecco interviene per ribadire il ruolo e il valore di librerie e cartolibrerie, dando qualche indicazione agli studenti e ai genitori.

“Nell’acquisto dei testi è importante verificare quali siano i testi obbligatori e quelli semplicemente “consigliati”, ponendo attenzione alle offerte della grande distribuzione organizzata: possono essere economicamente vantaggiose – commenta il presidente del Gruppo Cartolibrerie di Confcommercio Lecco, Anna Regazzoni”.
Il consiglio per chi acquista un testo nuovo, è quello di informarsi sui tempi di consegna perchè, negli anni passati, è capitato che i libri siano arrivati a lezioni iniziate. Mentre per chi si rivolge al mercato dell’usato, Confcommercio invita a controllare che l’edizione che si intende acquistare sia aggiornata e provvista di allegati: “nelle librerie e cartolibrerie il personale è sempre a disposizione, garantendo un supporto costante”, aggiunge Anna Regazoni.

Venendo al conto economico, secondo i dati elaborati a livello nazionale, per conto di Ali-Confcommercio, da Rinascita Informatica, l’impegno al quale sono chiamate le famiglie italiane per i libri di testo per il prossimo anno scolastico 2018/2019 – al netto di vocabolari e testi consigliati – è pari a 0,51 euro al giorno in media per un figlio alle scuole medie e a 0,64 euro per l’intero ciclo delle superiori.

Come librai italiani, siamo da sempre convinti che le famiglie debbano essere sostenute nell’impegno educativo dei loro figli con forme di detrazione fiscale al pari, ad esempio, delle spese mediche e per la palestra – sottolinea il Presidente di Ali-Confcommercio, Paolo Ambrosini – Sono anni che proponiamo questa misura, ma sempre ci viene detto che costa troppo, poi però ogni anno leggiamo che i soldi per altri interventi ci sono: la politica, il governo, le istituzioni ci dicano con chiarezza se intendono sostenere le famiglie nella formazione dei loro figli! I libri di testo in questo percorso di crescita sono un importante strumento e credo che anziché criticarne il costo sarebbe più utile richiederne il reale utilizzo, dato che non esiste l’obbligo dell’adozione”.

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni per i cookie di terze parti leggi l'informativa completa. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi